Sulla frontiera

Quindici anni fa a BNL, e la porta dell'infinito

Leggo fantascienza da sempre. Il tarlo me lo ha passato mio padre, che, quando avevo dieci o undici anni, mi portò in biblioteca a prendere Lucky Starr il vagabondo dello spazio, un romanzo di quella serie che Isaac Asimov aveva scritto pensando ai ragazzini: da lì in poi non mi sono più fermato, divorando ovviamente prima […]

È stato pubblicato anche in Letture e riflessioni | Etichette: , , , , , , | 2 Repliche

L'ultima estate. Romagna, domenica 14 agosto 1994

(L'ultima estate è un esperimento di scrittura post-adolescenziale postuma, ispirato al podcast Mortified. Ho scritto questo testo tra l'estate del 1994, l'autunno del 1997 e la primavera del 1999, ma se passate il mouse sui numerelli appariranno dei box di commento scritti oggi, a più o meno 20 anni di distanza. Questa è l'undicesima puntata, il racconto inizia qui.) Sveglia ore […]

È stato pubblicato anche in Vita di frontiera | Etichette: | Scrivi un commento

La spada è imperscrutabile

Do not think that This is all that exists There is much more to learn – The sword is unfathomable. The world is wide Full of happenings. Keep that in mind And never believe "I’m the only one who knows." Non pensare che Questo sia tutto ciò che esiste C'è molto di più da imparare […]

È stato pubblicato anche in Letture e riflessioni | Etichette: , , , , , , , | 4 Repliche

I tavolini di certi bar di Torino

Tra aprile e maggio dell'anno appena concluso sono stato a lungo in giro per l'Italia, a incontrare gli studenti delle scuole superiori i cui insegnanti mi avevano invitato a chiacchierare di fisica delle particelle. Mia moglie, rimasta pazientemente a casa con la figliola, aveva a suo tempo ribattezzato i miei giri come il “never ending tour”, […]

È stato pubblicato anche in Vita di frontiera, Scienza e dintorni | Etichette: , , , , | 4 Repliche

Dall’immagine tesa

Dall’immagine tesa vigilo l’istante con imminenza di attesa – e non aspetto nessuno: nell’ombra accesa spio il campanello che impercettibile spande un polline di suono – e non aspetto nessuno: fra quattro mura stupefatte di spazio più che un deserto non aspetto nessuno. Ma deve venire, verrà, se resisto a sbocciare non visto, verrà d’improvviso, […]

È stato pubblicato anche in Letture e riflessioni | Etichette: , , , , | 5 Repliche
  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii