Il nostro universo è il vostro

image-04

Magari non lo sapete, quindi ve lo dico con un certo anticipo, così vi organizzate. Tra poco più di tre mesi, il weekend del 28 e 29 Settembre 2013, il CERN aprirà le sue porte al pubblico per l'Open Day 2013.

Non è la prima volta che da queste parti si organizza un evento del genere: ce n'è già stato un altro nel 2004, in occasione dei 50 anni del CERN, e uno nel 2008. In entrambe le occasioni il successo è stato enorme, e anche quest'anno ci si aspetta una marea di visitatori: il numero stimato per adesso si aggira intorno ai 100.ooo! D'altronde, come darvi torto: quale occasione migliore per vedere il sito, scendere sottoterra, e dare un'occhiata dal vero a LHC, ATLAS. CMS e gli altri esperimenti?

Si, perché essendo questo un periodo di pausa, sarà di nuovo possibile accedere anche alle zone sperimentali sotterranee, e vedere i macchinoni di persona. Tra un visita e l'altra, poi, in superficie ci saranno attività per tutti: da lezioni e spiegazioni più complesse a giochi per bambini. Il sottoscritto fa parte dei volontari, per cui, se passate da queste parti, potrebbe anche capitare che sia io a raccontarvi del bosone di Higgs, o a farvi visitare ATLAS.

Il titolo della della giornata è forse la cosa più bella dell'evento. È stato intitolato "il nostro Universo è il vostro": perché la conoscenza che si produce da queste parti è veramente di tutti, come di tutti è il mondo in cui ci siamo ritrovati a vivere, e il desiderio di conoscerlo che ci accomuna, scienziati o meno.

0804028_01-A5-at-72-dpi

 

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica e il tag , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

17 Commenti

  1. Pubblicato il 21 giugno 2013 alle 12:48 | Permalink

    Ma bisogna prenotare o ci si presenta lì la mattina in compagnia di altre 10^23 persone e si passa la giornata in coda?

  2. Pubblicato il 21 giugno 2013 alle 13:04 | Permalink

    Non lo so (ancora), i dettagli tecnici sono in corso di definizione. Prometto che vi aggiorno appena ne so di più (e ci saranno informazioni sul sito).

  3. Bigalfry
    Pubblicato il 22 giugno 2013 alle 15:12 | Permalink

    Bene bene..... l'Open Day mi riguarda parzialmente perché verrò con l'università(ma potrei tornare con la famiglia 😀 !), ma sapere che è possibile visitare i "macchinoni" degli esperimenti è fantastico! Ma saranno visitabili completamente? L'acceleratore non è in pausa per riparazioni(non ricordo quali)? Come mai è possibile visitare macchine in via di riparazione e/o di controllo? Immagino che ci siano zone chiuse al pubblico! E poi una domanda per chi lavora come ricercatore: andrete in pausa in quei giorni o continuerete a lavorare come se nulla fosse? I turisti potrebbero dar noia, no?

    Ciò detto, il Cern fa bene ad organizzare questo tipo di eventi! C'è molta necessità di buona scienza! Basta guardare l'ignoranza scientifica in Italia....(ma non sono pessimista...)

    P.S.: come funziona in Svizzera la sanità? La tessera sanitaria europea è valida? Questa informazione è utile anche per l'Open Day! E i costi per una visita con la famiglia? Basterebbe anche il costo per le precedenti edizioni, tanto per farsi un'idea.

  4. Pubblicato il 24 giugno 2013 alle 14:35 | Permalink

    @Bigalfry: Beh, ovviamente il pubblico potrà accedere a una zona ristretta degli esperimenti, mica andare in giro dappertutto!

    Quanto alla sanità in Svizzera, tutto è privato, quindi mi stupirebbe ci fosse una reciprocità con il SSN, ma chiedi perché non sono sicuro. In ogni caso, probabilmente hai un qualche tipo di assicurazione che coprirebbe in caso di incidenti durante il viaggio (tipo quelle delle carte di credito).

    Per il costo, l'accesso al CERN e agli eventi sarà completamente gratuito. Quello che devi mettere in conto è il viaggio e l'eventuale soggiorno se pensi di fermarti per più di un giorno. Molto dipende da dove vieni, e, nel caso, dove pensi di dormire (Francia o Svizzera).

  5. Andrea
    Pubblicato il 25 giugno 2013 alle 09:30 | Permalink

    Articolo che cade a proposito! Qualche tempo fa, mi chiedevo proprio se con lo stop degli esperimenti, le visite avrebbero riguardato anche la zona dei rivelatori e dell'acceleratore. La mia domanda è: oltre all'openday, durante le visite "classiche" che si possono fare durante l'anno, sarà possibile in questo periodo di stop visitare ugualmente la zona degli esperimenti? Oppure questa possibilità è circoscitta al solo openday? Grazie

  6. Pubblicato il 25 giugno 2013 alle 09:47 | Permalink

    @Andrea: le zone sperimentali di ATLAS e CMS sono visitabili da questa primavera, e continueranno a esserlo per buona parte del 2014.

  7. Pubblicato il 25 giugno 2013 alle 12:10 | Permalink

    Che bella notizia. Penso mi organizzerò con i miei soci di università. 🙂 Attendiamo notizie riguardo l'eventuale prenotazione.
    Complimenti per il blog, seguo sempre con molta passione.

    Un saluto.
    Ruben

  8. Pubblicato il 25 giugno 2013 alle 15:36 | Permalink

    Ottimo: entusiasmo già svegliato dal letargo! Pensi che riusciremo a far parte dell'assalto? L'estate scorsa è andata buca (niente guide in italiano e noi vogliamo capire tutto ma proprio tutto...;)), e il 2015 è insopportabilmente lontano, sigh...

  9. Fabiano
    Pubblicato il 26 giugno 2013 alle 22:16 | Permalink

    @Marco: fammi capire, io non ci sono mai stato, se le zone sperimentali di ATLAS e CMS sono già visitabili (intendi le caverne dove sono collocati i rivelatori, immagino), che cosa cambia durante l'open day?

  10. Pubblicato il 27 giugno 2013 alle 08:08 | Permalink

    @Fabiano: durante le giornate dell'Open Day ci saranno un sacco di iniziative parallele (guarda i siti delle edizioni precedenti), e molti più fisici in giro a spiegare, raccontare, mostrare.

  11. Igor
    Pubblicato il 28 giugno 2013 alle 14:06 | Permalink

    Ciao Marco, non so puoi aiutarci, ma ci proviamo lo stesso. Siamo un gruppo di studenti (quindi squattrinati ma non badiamo ai confort) che vorrebbero venire, sai indirizzarci su un ostello dove pernottare per uno, due giorni? Magari abbiamo la fortuna di averti come guida! Grazie in anticipo da un gruppo di ingegneri disperati 🙂

  12. Pubblicato il 29 giugno 2013 alle 14:44 | Permalink

    @Igor: a Ginevra c'è questo: http://www.cityhostel.ch/english/

  13. Andrea Barontini
    Pubblicato il 1 luglio 2013 alle 10:31 | Permalink

    Ciao, c'e' speranza che le guide parlino anche italiano? Io verrei con la mia famiglia che non mastica l'inglese. Grazie!

  14. Pubblicato il 1 luglio 2013 alle 10:33 | Permalink

    Ci saranno anche guide che parlano italiano (il sottoscritto, per dire), ma non so (ancora) se prevederanno gruppi linguistici.

  15. yopenzo
    Pubblicato il 3 luglio 2013 alle 23:55 | Permalink
  16. Bigalfry
    Pubblicato il 8 luglio 2013 alle 17:08 | Permalink

    Grazie yopenzo!! 😀

  17. ClaudioE
    Pubblicato il 7 agosto 2013 alle 14:12 | Permalink

    Credo proprio che ci sarò, tra l'altro ho una zia a Ginevra che sarà contenta (spero) di ospitarmi 😀
    Nel caso si potesse organizzare mi farebbe piacere stare in un gruppo guidato da te

4 Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii