Rivelatori di particelle a LHC. La serie completa.

Ce l'ho fatta! In poco più di un anno, tra un momento di pigrizia, un nuovo datore di lavoro, e la scoperta di una nuova particella, sono riuscito a finire la serie di articoli sui rivelatori di particelle a LHC, iniziata nell'ormai lontano 18 Marzo del 2011. A questo punto, se mettete tutte le informazioni insieme, dovreste capire - almeno a grandi linee - come riconosciamo le particelle all'interno dei nostri esperimenti. Spero che la serie vi sia  piaciuta, almeno quanto ha fatto piacere a me scriverla.

Volete rileggere tutto da capo? Ecco i link alle dieci parti, più i due intermezzi, nell'ordine corretto:

Da tutte queste informazioni, dovreste avere una visione d'insieme di come le particelle prodotte nelle collisioni si manifestino all'interno dei diversi strati dei rivelatori. Dall'interno verso l'esterno, più o meno così:

Come avete imparato, la geometria dei rivelatori è però cilindrica. Nella realtà, lo stesso schema assomiglia piuttosto a qualcosa del genere in ATLAS, se ne prendete una fetta:

E, analogamente, a qualcosa di questo tipo in CMS:

Qualcuno mi ha chiesto se penso di mettere insieme questi articoli in un libretto, in modo simile a quello che avevo fatto per la serie sugli acceleratori e il funzionamento di LHC. La risposta è: forse sì, ma certo non immediatamente, per almeno tre ragioni. Primo, sto per andarmene in vacanza per un po', e dunque al limite se ne riparla al rientro. Secondo: una parte di questo materiale finirà probabilmente in un altro progetto un po' più ambizioso (di cui magari vi racconto dopo le vacanze. Ah, come sono misterioso!), per cui preferirei evitare che finisca anche altrove, almeno nell'immediato. Terzo: con tutto quello che avete imparato, non penserete mica che sia tutto finito qui? Prima di sparire in vacanza per un po', ho intenzione di lanciare un gioco (con ricco premio finale), basato proprio proprio sul contenuto di questa serie. Vorrete mica che mi metta a rilegare articoli, quanto invece posso spendere il mio scarsissimo tempo libero a preparare una sfida estiva per i miei lettori?

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica e il tag , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

19 Commenti

  1. Pubblicato il 20 luglio 2012 alle 09:36 | Permalink

    Buone vacanze! Sono curyoso per il mystero però.

  2. Pubblicato il 20 luglio 2012 alle 11:17 | Permalink

    e anche per la sfida... anche se vado in vacanza pure io...

  3. Pubblicato il 20 luglio 2012 alle 11:22 | Permalink

    @IgorB: non temere, lascerò un larghissimo margine di tempo per partecipare alla sfida! Le istruzioni arrivano lunedì...

  4. My_May
    Pubblicato il 20 luglio 2012 alle 20:57 | Permalink

    Per la vacanza, ok... ti diamo il bene-placito per andarci 😛
    Per la sfida c'è un problema. Devo essere sincero, non ho letto nemmeno un articolo (motivo: sono più attirato dalla teoria che dalla pratica).
    Se però lanci la sfida, chissà (visto che io le vacanze non le farò) potrei anche farmi venire voglia di leggerli. :;)
    Buone vacanze 🙂

  5. marco
    Pubblicato il 20 luglio 2012 alle 21:16 | Permalink

    Che dire... grazie mille!
    Buone vacanze e alla prossima.

  6. Fabiano
    Pubblicato il 20 luglio 2012 alle 22:11 | Permalink

    @Marco: non mi sembra che tu abbia spiegato il significato dei diversi colori delle tracce negli event display (come quello che mostri nel primo intermezzo, dove ci sono tracce fucsia, gialle, celesti e verdi). Potresti dire velocemente se i colori raggruppano tracce che appartengono allo stesso range di energia o magari provengono dallo stesso vertice secondario o cos'altro? Grazie. 🙂

  7. Asmaro
    Pubblicato il 21 luglio 2012 alle 15:14 | Permalink

    Penso che si impara piu fisica in questo blog che in 5 anni di università 🙂
    grazie per rendere comprensibile e divertente da capire cose che altrimenti sarebbero un tabù per la maggior parte delle persone.

    P.S. me sto rileggendo tutto come uno scolaretto di prima elementare 🙂

  8. luca
    Pubblicato il 21 luglio 2012 alle 17:19 | Permalink

    bellissimo...grazie mille...

  9. Pubblicato il 23 luglio 2012 alle 15:33 | Permalink

    @Fabiano: dipende molto da come sono le impostazioni dell'evento display. A volte colori diversi corrispondono in effetti a soglie in momento diverse, altre invece raggruppano tracce associate allo stesso vertice, altre ancora corrispondono all'associazione a un particolare jet.

  10. Pubblicato il 29 agosto 2012 alle 14:31 | Permalink

    Marco... ci fai il PDF? 😉

  11. dario
    Pubblicato il 29 agosto 2012 alle 14:34 | Permalink

    @Marco
    ci fai un bel libro ?

  12. dario
    Pubblicato il 29 agosto 2012 alle 14:36 | Permalink

    magari intitolato "LE MIE PASSEGGIATE CON OLIVER"...in cui parli di fisica in maniera semplice come tu sai ben fare

  13. Pubblicato il 29 agosto 2012 alle 15:25 | Permalink

    @Marco: no, non immediatamente, e la ragione è correlata a quanto sto per rispondere a Dario...

    @Dario: eh, guarda, la tua richiesta potrebbe non cadere del tutto nel vuoto (ah, come son misterioso!) 🙂

  14. Pubblicato il 29 agosto 2012 alle 15:54 | Permalink

    noooo... anche tu nel commerciale?

  15. dario
    Pubblicato il 29 agosto 2012 alle 16:39 | Permalink

    @Marco
    aspetto ansioso, lo acquisterei e lo leggerei con immenso piacere 🙂

  16. Pubblicato il 30 agosto 2012 alle 13:55 | Permalink

    @dario
    non so se io lo comprerei... non tanto per i soldi, ma semplicemente perchè io lo renderei scaricabile gratuitamente avendo avuto piacere nello scrivere e rendere disponibile a chiunque quello che piace a me. Poi ovviamente Marco ci mette competenza e tempo non indifferenti, ne sono sicuro, ma mi ripeto, io lo farei gratuito.

    @Marco... NON è una critica.

  17. Pubblicato il 30 agosto 2012 alle 14:34 | Permalink

    Eh, facciamo che ne riparliamo quando vi racconto che cosa sto facendo? 🙂

  18. dario
    Pubblicato il 30 agosto 2012 alle 15:00 | Permalink

    @l'altro Marco

    gratis non sarebbe giusto, ci si mette tempo e conoscenze nel realizzare i lavori e dopo la gratificazione "morale" ci vuole quella "materiale"...magari campassimo d'aria.

  19. XectX
    Pubblicato il 12 novembre 2012 alle 21:57 | Permalink

    Oggi il professore di Fisica II ci ha illustrato brevemente il magnete superconduttore del CMS e la sua tecnologia "sofisticata", i primi due pensieri sono stati questo blog e questo articolo, ancora non ho letto nemmeno 5 di 10 parti. Colgo l'occasione per dirti che è davvero una gran bella cosa questa raccolta

5 Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii