Le preferenze della Natura

WeakForce

Dopo settimane di arduo scrutinio, è stato finalmente scelta la squadra di studenti vincitrice della competizione Una linea di fascio per le scuole. Vi ricordate il concorso? L'idea era quella di presentare un progetto di esperimento da fare utilizzando uno degli acceleratori del CERN: il miglior progetto sarebbe stato scelto per essere realizzato per davvero quest'estate a Ginevra, la squadra dietro l'idea sarebbe stata ospite a spese del laboratorio per venire a fare per davvero un po' di fisica sperimentale moderna.

Da quello che mi raccontano, delle svariate centinaia di gruppi che si erano presentati ne sono rimasti sedici nella lista ristretta, tutti con idee di ottimo livello e presentazioni gagliarde. Ho un paio di colleghi che facevano parte del comitato di selezione, che mi hanno raccontato che convergere dai sedici alla scelta finale non è stato affatto facile. Il che è anche la ragione per cui, alla fine, di squadre premiate (e di esperimenti che verrano realizzati) ce ne sono due, giudicati altrettanto validi dalla giuria.

I vincitori sono dunque il gruppo Odysseus’ Comrades, 12 studenti greci che hanno proposto di venire a rivelare i decadimento dei pioni carichi per studiare l'interazione debole, e la squadra di 5 studenti del Dominicus College di Nijmegen, in Olanda, che hanno invece immaginato di far crescere dei cristalli per costruire il loro proprio calorimetro. Ecco i video delle loro proposte:

I sedici finalisti hanno comunque tutti ottenuto l'etichetta di "progetto eccellente". Tra di loro ci sono progetti arrivati da Singapore, Svizzera, USA, Spagna, Franxia, Sud Africa, Germania, Austria, e naturalmente Italia. Anzi, ben tre gruppi italiani: gli ArchiGuys, i INerdPerCaso, e gli studenti del Liceo Scientifico Leonardo da Vinci di Treviso: per puro campanilismo, pubblico anche i video dei loro progetti. E chissà che non ci sia un'altra occasione l'anno prossimo.

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica e il tag , , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii