Sì, abbiamo scoperto il bosone di Higgs!

Non ci sono dubbi, l'evidenza sperimentale è schiacciante e condivisa, e nessuno può più temere che i segnali siano solo fluttuazioni del rumore di fondo. Abbiamo scoperto il bosone di Higgs!

E lo so, ci sarebbero un sacco di cose da dire: come abbiamo fatto a scoprirlo? È proprio il bosone di Higgs, o un suo cugino che gli assomiglia? È proprio un bosone? E cosa facciamo adesso?

E poi, ci sarebbe la giornata da raccontare, il seminario, l'emozione, la fatica che casca addosso e la soddisfazione. Ma facciamo che mi prendo ancora un po' di tempo, come promesso, e poi vi racconto e spiego tutto nei dettagli. Dopo aver aspettato tanto, adesso è veramente solo tempo di festeggiare.

A dopo.

5 sigmas in ATLAS!

5 sigmas in CMS!

Global effort = Global success

Myself after the Higgs seminar

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica e il tag , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

55 Commenti

  1. alberto
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 15:22 | Permalink

    Immagino che l'ultima foto sia per immortalare la giornata in camicia

  2. Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 15:28 | Permalink

    Chiaro! 🙂

  3. Invernomuto
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 15:30 | Permalink

    Grazie per tutto il lavoro fatto e soprattutto grazie a te per avercelo spiegato. E ancora grazie per il live twitting di stamattina. Io ero al lavoro e non potendo seguire la diretta e sbirciavo i tuoi tweet. Sembrava di esserci. Grazie e buona continuazione.

  4. Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 15:36 | Permalink

    E' stata una grande emozione anche senza esserci o averci lavorato su!

  5. Massimo
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 15:38 | Permalink

    Vorrei ringraziarti per tutto il lavoro che hai fatto per noi. Sono riuscito a seguire (abbastanza) bene la conferenza. Quando e' apparsa la slide dei risultati ho capito all'istante e lo devo a te, al tuo blog, alla chiarezza con cui mi hai, ma credo di poter dire ci hai, spiegato quello che avete fatto in questi anni. Grazie Marco, non saprei come ringraziarti in altro modo se non con la felicita' di aver imparato da te.

  6. Tommybond
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 15:43 | Permalink

    @Marco:
    Fai con tutta la calma del mondo..conoscere un nuovo bosone non è esperienza di tutti i giorni 🙂

    @Tutti : E' troppo strano ed affascinante pensare al fatto che una particella ( o un qualsiasi fenomeno)esista indipendentemente dal fatto se siamo bravi a scoprirla o meno e che nel momento in cui la scopriamo è come se diventare reale di colpo, come se all'improvviso esistesse sia nell'"Universo oggettivo"che nel nostro "universo mentale"!!

  7. Matteo Ferroni
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 15:47 | Permalink

    Complimenti veramente,
    seguo da un pò di mesi questo blog, così interessante e informativo. Emozionante la cronaca di oggi, ma la foto finale con il ritratto di Marco è per me molto significativa: lo sguardo e il sorriso mostrano sia stanchezza che la giusta soddisfazione e il meritato orgoglio.
    Con molta discrezione, si vede quanta umanità ci sia nella ricerca.
    Così come la musica ci emoziona grazie alle capacità degli orchestrali, mi piace pensare che Higgs abbia scritto un bello spartito e finalmente abbiamo ascoltato la "prima" .
    Grazie ancora

  8. X
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 15:57 | Permalink

    Mitico Marco, deve essere una soddisfazione immensa. Complimenti a tutti, l'avete meritato! Aspetto ansiosamente il tuo report per noi seguaci del blog e, se avrai voglia e tempo, prima o poi, perché no, anche per Next Station 😉

  9. Giovanni
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 15:59 | Permalink

    Un peccato che si parli solo del Comic Sans...

    g.

  10. bob
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:06 | Permalink

    Oggi era una giornata semi-tranquilla in ufficio e sono riuscito a seguire la diretta. Posso dire che la Giannotti è stata di una chiarezza espositiva esemplare? (o, almeno, così mi è sembrata)

  11. My_May
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:09 | Permalink

    Se lo dici tu Marco, allora ci credo, quindi complimenti a tutti 🙂

    Ricorda però la domanda che ti feci tanto tempo fa. Perchè in questo campo (a questo punto chiamato campo di Higgs), un elettrone verrebbe frenato meno (avrebbe meno massa) di un'altra particella elementare in realtà più pesante?
    Da "intuizionista" io penserei al fatto che tutte le particelle elementari siano uguali davanti a dio, o meglio davanti al campo di Higgs, per cui se noi, nel calcolare la massa, troviamo particelle di massa diverse, evidentemente quelle più massive non sono elementari. Ovviamente questa è la mia opinione... da "opinionista" della domenica 🙂
    Poi bisogna capire perchè il fotone sfugge al campo..e tante altre cose.
    Comunque bravi! 🙂

  12. Fabio
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:10 | Permalink

    Riesco a immaginare come tu ti senta! Congratulazioni 🙂

    Ma si riesce a trovare da qualche parte il video della conferenza di stamattina? Sono riuscito a vedere solo cinque minuti (i più importanti, però..)

  13. Daniele
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:11 | Permalink

    Grazie Marco.
    è normale il fastidio che provo vedendo in rete una marea di articoli intitolati "trovata la particella di Dio"?

  14. GiovanniR
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:15 | Permalink

    Porc... con il trasloco in mezzo mi sono perso tutto 🙁 Meno male che ci sei tu che prossimamente con calma ci spiegherai tutto per benino 😉 Grazie Marco!

  15. robi
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:21 | Permalink

    Che emozione, bravi.

  16. Fabrizio Biondi
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:26 | Permalink

    Congratulazioni a tutti gli scienziati coinvolti per il risultato storico ottenuto!
    Potrei chiederti, nel tuo commento, di precisare che i 5 sigma non si traducono in cose del tipo "c'è meno dell'un per cento che i dati siano risultato di una fluttuazione statistica" o "siamo sicuri al 99% che l'ipotesi sia corretta"? Da probabilista ci tengo alla differenza tra confidence e probability :).

  17. Tommybond
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:28 | Permalink

    @Daniele : E' normalissimo. Io avverto ancora più fastidio leggendo i commenti agli articoli che citi! Non riesco a capire come la gente possa essere così stupida da litigare su argomenti religiosi anche in giorni di festa come questo che stiamo vivendo.
    Oggi bisognerebbe solamente godersi i frutti degli sforzi di tantissimi nostri simili che hanno iniziato a capire un pizzico in più del nostro splendido universo che ci circorda!

  18. Manu
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:34 | Permalink

    Per Fabio e gli altri interessati, potete vedere qui la videoregistrazione del seminario di stamattina.

  19. Antonio
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:40 | Permalink

    Spero che nessuno se ne esca con il comics sans ora!
    Comics o no comics Fabiola Giannotti è stata di una chiarezza e di una sicurezza esemplare.
    Brava!
    Le slides ben preparate e sopratutto con contenuti che si commentano da soli.

  20. Robert
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:44 | Permalink

    @ Giovanni: Certo usare il carattere Comic per un documento che dovrebbe illustrare ciò, mi sembra in effetti poco professionale. Tuttavia sono dell'idea che è tutto fine a se stesso, cern, presunta scoperta inclusa e non mi pronuncio in altro.

  21. dav
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 16:45 | Permalink

    Una domanda a cui magari hai già risposto in altri post..

    Mi chiedo , ma se l Higgs ha massa 125 Gev circa perchè non è stato visto chiaramente già da Tevraton che ha energia di centro di massa di circa 2 Tev?

  22. Antonio
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:02 | Permalink

    @Robert: Scusa non per fare polemica, ma sei solito misurare la professionalitá di una persona solo in base al font utilizzato in una presentazione?

  23. Nessa
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:04 | Permalink

    @Manu, grazie, lo chiedevo giusto nel post precedente...io sono arrivata tardi e ho visto solo la domanda del giornalista giapponese sul "perchè dare soldi a voi e non usarli per combattere la fame nel mondo" 🙂

  24. Bigalfry
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:10 | Permalink

    FINALMENTE!! IL BOSONE E' SALTATO FUORI!!!
    Mi domando, però, ancora una cosetta: ci sono tracce di una nuova fisica? Il modello standard non spiega proprio tutto, o sbaglio?

  25. Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:11 | Permalink

    Bravo, bravi tutti i cerniotti!

  26. Manu
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:20 | Permalink

    @Nessa: c'è anche il video della conferenza stampa (me la sono saltata, era stata una bella mattinata, non c'era bisogno di rovinarsela!!!)

  27. Nessa
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:21 | Permalink

    se qualcuno riesce a visualizzare il video al link di Manu può fare un cenno? A me lo da ancora non disponibile 🙁

  28. Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:31 | Permalink

    L'emozione, la fatica e la soddisfazione si possono immaginare!
    Intanto grazie. Festeggiate con cura, ormai le cinque sono passate 🙂

  29. Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:33 | Permalink

    L'emozione, la fatica e la soddisfazione si possono immaginare.
    Per il momento, grazie. E festeggiate con cura, le cinque ormai sono passate 🙂

  30. Alberto
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:34 | Permalink

    GRANDI!!! adesso chissà cosa si inventerà la Gelmini...

  31. bob
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:43 | Permalink
  32. Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:44 | Permalink

    Congratulazioni Marco!
    son proprio contento, questo risultato se lo meritano tutti i fisici, dell'lhc e del tevatron, svizzeri, americani e soprattutto italiani.
    altro che europei... queste so' soddisfazioni!
    ciao!

  33. Manu
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:48 | Permalink

    @Nessa: ci vorrà un po' per vederlo, i poverini che lavorano al webcast fanno poi un lavoro immane per sincronizzare video e slides....la press conference mi sembrava già disponibile...

  34. Bed
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 17:56 | Permalink

    Grazie. Non trovo altre parole ... con ? > 3 😉

  35. danG
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 18:17 | Permalink

    Marco, tantissime congratulazioni a te e a tutti i colleghi di ATLAS, CMS nonché ai valenti macchinisti di LHC! Immagino sia una soddisfazione immensa, meritate davvero di festeggiare prima di rimettervi al lavoro sull'Higgs!

    E già che ci sono, ti faccio tantissimi complimenti per come tieni questo blog. Sono uno studente alla magistrale in Fisica e spesso prendo spunto dai tuoi post per spiegare qualche fenomeno di fisica delle particelle alle iniziative di divulgazione cui mi capita di partecipare. Lo stile scorrevole unito a una chiarezza cristallina fa spesso di questo blog un vero esempio di divulgazione/informazione scientifica, da cui tante blasonate testate avrebbero solo da imparare visti i cataclismi di questi giorni sull'Higgs!

    Ancora congratulazioni!

  36. Fulvio Lanna
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 18:40 | Permalink

    Eh si, sembra che l'abbiate davvero scoperto, almeno a giudicare da tutti gli applausi che si e' beccato ognuno che, alla conferenza, abbia detto piu' di due o tre parole.... (e sempre che non si scopra fra qualche giorno una connessione un po' ballerina...)

  37. Vince
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 19:07 | Permalink

    Marco, grazie ancora per il tempo che ci hai dedicato con questo blog; se oggi ho potuto comprendere gran parte dei concetti dietro le slides è stato grazie alle tue spiegazioni!
    Per un non addetto ai lavori come me, ma assetato di conoscenza, ciò che stai divulgando con tanta bravura è un vero regalo che apprezzerò per sempre. Un abbraccio!

  38. Fabiano
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 19:18 | Permalink

    Meno male, via... adesso spero che questa pressione per dire se l'Higgs "c'è o non c'è", sia finita e che possiate lavorare in pace su tutte le altre cosette che si possono tirar fuori da LHC, compresi ovviamente maggiori dettagli del nostro caro bosone.

    Sono rimasto stupito dal titolo di questo tuo post! Per la prima volta leggo prudenza altrove e sicurezza qui, sei proprio gasato. 😀

  39. fabio
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 19:33 | Permalink

    @ dav
    Immagino che la risposta sia la statistica:
    LHC ha una luminosità (un numero di collisioni) enormemente più alto di quello di Tevraton... Per cui... credo che la risposta possa essere un numero di dati insufficiente per fare statistica nell'altro esperimento...
    Oppure che nell'altro stavano guardando altri canali di decadimento... era nato, se non erro, per altri scopi non per l'Higgs ma per i suoi cuginetti: i W e lo Z...
    Per cui particelle diverse canali di decadimento diversi e quindi anche apparati sperimentali distinti...

  40. Fabiano
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 19:53 | Permalink

    @dav & @fabio: non è una questione di statistica nel senso inteso da Fabio, i risultati presentati oggi sono stati ottentuti da circa 10/fb di dati, esattamente tanti quanti ne ha raccolti il Tevatron in tutta la sua carriera. È piuttosto una questione di energia, perché non è vero che avendo a disposizione 2 TeV si possono scoprire con disinvoltura tutte le particelle fino a 2 TeV di massa. Per esempio, già a LHC, a parità di statistica (collisioni fatte), quest'anno a 8 TeV si sono trovati il 25-30% di bosoni in più rispetto all'anno scorso, quando la macchina girava a 7 TeV. Questa è la motivazione principale, ma ce ne sono altre, tante quante sono le differenze tra LHC e Tevatron.

  41. marco
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 19:56 | Permalink

    Complimenti a tutti quelli che hanno dato il contributo necessario per questa scoperta, quindi anche ai ragazzi del CMS (è solo a causa dell'alfabeto che ATLAS viene sempre prima?)! E grazie a Marco per il post, a leggere sulla rete non si sa mai di chi fidarsi.

    Riguardo al pezzo che (spero) verrà presto, la prima domanda che mi sorge è: come fa una particella che crea il campo ad interagire con altre particelle tramite il campo creato da sé stessa? E' un po' come se il fotone fosse carico elettricamente, i bosoni W e Z interagissero tra di loro tramite la forza debole o i gluoni tramite la forte. Un bosone di Higgs scambia altri bosoni di Higgs con le altre particelle? magari lo fanno tutti quanti e io non ci avevo mai pensato... Ma il primo bosone di Higgs che si è creato nell'universo non aveva quindi massa? 😛

    Ciao e grazie ancora

  42. franco zoccheddu
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 19:59 | Permalink

    EHI!! QUALCUNO CHIAMI PETER!

  43. lallo
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 20:14 | Permalink

    Ma il primo bosone di Higgs che si è creato nell'universo non aveva quindi massa?
    Mi avventuro in una risposta: potrebbe esistere la proprietà massa riferita ad una sola particella senza interazione con altre? Io suppongo di no. Ogni 'misura' necessita qualcosa con la quale essere confrontata. In altre parole la massa ci sarebbe comunque ma sarebbe indeterminabile.

  44. Fabio Mik2A
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 20:27 | Permalink

    Qui nel dipartimento di Fisica in Sapienza noi studenti abbiamo occupato interamente l'aula lasciando i docenti in piedi, pur di seguire in diretta la conferenza! E' stato un momento davvero emozionante. 🙂

  45. unit
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 20:44 | Permalink

    Congratulazioni! E grazie per la diretta su twitter.

  46. marco
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 21:16 | Permalink

    @ lallo:

    si`, in effetti è un po' come dire che il gatto di Schrödinger non ha proprietà definita (ma solo probabilistica) chiamata "vita" finché non apri la scatola, e quindi ci interagisci. Occorrono mezzi interagenti per misurare una proprietà, ma quella esiste a prescindere o meno (poi possiamo perturbarla e quindi "leggerla" con un certo grado di incertezza, e comunque sarà sempre una sovrapposizione di stati finché non ci interagiamo, ma almeno il concetto di "proprietà fisica" sussiste anche prima della lettura!).
    Piuttosto io mi chiedevo se esistesse un campo di Higgs dovuto ad una sola particella di Higgs (la risposta credo sia "si`") e se quel campo in qualche modo l'abbia "rallentata" a dovere quando ha subito un qualsiasi tipo di forza.
    Altro esempio: se l'elettrone si muove ad una velocità inferiore a quella della luce, non potrà notare "sé stesso", cioè il campo da lui creato in un punto diverso dalla sua posizione, in quanto lo raggiungerà sempre dopo che il fotone ha viaggiato trasmettendo con sé l'informazione del campo elettrico generato.
    Magari il bosone di Higgs si` (a che velocità viaggia?)...

    Tutto cio` fermo restando che si tratta di un'elucubrazione mentale, e la risposta (anche del tipo: "non c'è risposta perché la domanda non ha senso di esistere") serve solo a farmi comprendere un po' meglio (forse) l'argomento.

    ciao

  47. Matteo Morreale
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 22:18 | Permalink

    Non potrebbe essere una versione un po' "più piccola" di una coppia di Cooper?

    Mi sembra prematuro parlare di Higgs onestamente.

  48. Stefano
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 22:32 | Permalink

    Congratulazioni! E grazie, ancora, per tutte le informazioni che continui a dare.

  49. Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 23:17 | Permalink

    "L'avvenire dell'umanità è incerto, anche nei paesi più prosperi, e la qualità della vita peggiora; eppure io credo che quanto si va scoprendo sull'infinitamente grande e sull'infinatamente piccolo sia sufficiente ad assolvere questa fine di secolo e di millennio. Quanto alcuni pochi stanno audacemente acquistando nella conoscenza del mondo fisico farà sì che questo periodo non sarà giudicato un puro ritorno alla barbarie." Primo Levi, L'altrui mestiere, Torino 1985

  50. Nessa
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 23:19 | Permalink

    @manu, adesso si vede tutto, grazie per la pazienza:)

  51. Pubblicato il 5 luglio 2012 alle 09:36 | Permalink

    Mi accodo ai complimenti e alle congratulazioni.
    Non riesco ad immaginare la felicità che serpeggia li al CERN, ma soprattutto la gioia del signor Peter Higgs...
    Stamattina parlavo di questa cosa con mia moglie e lei si è commossa dicendo "chissà come sarà felice!".

  52. Pubblicato il 5 luglio 2012 alle 11:42 | Permalink

    Non sarebbe stato meglio intitolare questo post; " Si, abbiamo scoperto un bosone che assomiglia all'Higgs"... no?

    Senza polemica.

  53. Pubblicato il 5 luglio 2012 alle 12:34 | Permalink

    @MarcoSilva: si, forse. Ma perché privarsi di una semplificazione approssimata, nel giorno della festa? 🙂

  54. My_May
    Pubblicato il 5 luglio 2012 alle 15:25 | Permalink

    Se non è mr bosone di Higgs sarà mr Hyde, oppure mr Bean. E' comunque un bosone-uomo. L'approsimazione a questo punto è pateticamente inconsistente. Sarebbe come dire che Einstein e Totò sono fra loro differenti. Sono uomini entrambi, camminano a a due zampe e sembrano avere entrambi il dono della parola.
    C' è certamente una differenza qualitativa fra Higgs, Hyde e Bean o fra Totò e Einstein ma in fisica si cercano solo differenze quantatitive. Anche perchè la qualità di quel che si cercava non era mica tanto bene descritta.
    I problemi maggiori saranno gravi solo qualora si scoprisse che non era un bosone-uomo, o se quel che si è trovato mal si integra con il quadro teorico (MS).
    L'importante però che si è trovato effettivamente qualcosa... e su questo non credo ci siano più dubbi. O sbaglio?

  55. Sassa
    Pubblicato il 9 luglio 2012 alle 13:36 | Permalink

    Davvero un momento storico emozionante che sei riuscito a condividere in modo eccellente! Complimenti e congratualazioni!!!
    Grazie Marco!

10 Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Chi sono

    Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • Archivio

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti