Tenetevi pronti, LHC si sta svegliando

LHC_Cryo_Status_2015-03-20

Quand'è l'ultima volta che ho postato una schermata di controllo di LHC? Quelli che un paio di anni fa frequentavano già queste pagine forse ricordano, era il 17 dicembre 2012: "Arriverderci, e grazie per tutto il pesce", salutavano sornioni gli operatori dell'acceleratore, dopo i tre anni di collisioni che avevano portato, tra le altre cose, alla scoperta del bosone di Higgs.

Da qualche settimana, quegli schermi hanno ripreso vita. Sì, perché le attività di riparazione e consolidamento di LHC sono terminate, e il tempo è finalmente arrivato per rimettere i protoni in carreggiata, e questa volta accelerarli a un'energia prossima a quella per cui LHC è stato progettato: 6.5 TeV per fascio, per un totale di 13 TeV di energia nel centro di massa.

In questi giorni, come già tre anni fa, i macchinisti stanno verificando che i protoni siano in grado di viaggiare senza problemi lungo gli archi della macchina. Una buona parte dell'acceleratore è fredda e pronta: se le cose vanno come previsto, la prima rivoluzione completa dovrebbe avvenire nel corso della settimana prossima. Il programma ufficiale dice il 23 di marzo, lunedì, ma le voci di corridoio suggeriscono che potrebbero volerci almeno un paio di giorni in più.

LHC_schedule_2014-03-12_crop

Per le collision vere e proprie, invece, ci vorrà invece ancora un po'. Qui le previsioni diventano un po' più difficili: diciamo che potrebbero arrivare, con calma e cautela, tra fine maggio e inizio giugno. Siccome nessuno ha mai fatto circolare e collidere protoni a quelle energie, e visti i precedenti anche disastrosi, la parola d'ordine è ovviamente "prudenza".

Per permettere a LHC di mantenere in orbita i fasci a 6.5 TeV, i magneti dell'acceleratore sono stati "allenati". Ogni settore dell'acceleratore è stato forzato a subire una serie di quench, ovvero i suoi magneti sono stati obbligati a uscire dalla loro condizione di superconduttività. Questo esercizio è necessario perché i magneti siano in grado di sopportare le correnti che servono a generare il campo che curverà l'orbita dei protoni alla massima energia. Questo allenamento sta andando più a rilento del previsto: c'è infatti un settore dell'acceleratore che, nonostante la sequenza di quench, non ha ancora raggiunto le condizioni ottimali. Nei prossimi giorni dovremmo capire meglio se le cose si risolveranno in tempo, e saremo in grado di ripartire come previsto. Vi tengo aggiornati!

LHC_Quenches_2015-03-20

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica e il tag , , , , , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

6 Commenti

  1. Invernomuto
    Pubblicato il 20 marzo 2015 alle 22:26 | Permalink

    Ecco perché nelle settimane scorse vedevo le temperature alzarsi all'improvviso in un settore poi tornare normali e ripetere il ciclo con un andamento a dente di sega, erano le prove di quench?

  2. Sandro
    Pubblicato il 21 marzo 2015 alle 00:52 | Permalink

    chissa quale nuova fisica verra' scoperta dal nuovo livello di energia a cui operera'. gravita' repulsiva? supersimmetrie, effetti invisibilita', particelle esotiche in grad di creare wormhole...? da quando lessi il libro di marco pizzuti "esperimenti scientifici non autorizzati", ho capito che il modello standard di oggidi' e' fumo negli occhi.

  3. Pubblicato il 21 marzo 2015 alle 15:10 | Permalink

    @Sandro: in effetti è la domanda che ci facciamo un po' tutti: se per il bosone di Higgs la ricerca are chiaramente guidata in una direzione (doveva esserci qualcosa a spiegare la rottura della simmetria elettrodebole, dunque o il meccanismo di Higgs o qualcos'altro), per il regime superiore le cose sono decisamente meno chiare. Vedremo.

    Detto questo, il testo di Pizzuti, da quello che ho visto dell'indice, è un'accozzaglia di pseudoscienza: se veramente sei interessato alle possibili evoluzioni "esotiche" di quello che sappiamo oggi, ci sono strade (e testi) migliori!

    P.S. il Modello Standard è incompleto e necessita di estensioni, ma certamente non è "fumo negli occhi"!

  4. matteo
    Pubblicato il 23 marzo 2015 alle 23:06 | Permalink

    Speriamo bene.

  5. Giancarlo Albricci
    Pubblicato il 24 marzo 2015 alle 17:57 | Permalink

    mercoledì 23 marzo? o l'eclisse ha modificato il calendario o devi correggere 🙂

  6. Pubblicato il 24 marzo 2015 alle 21:08 | Permalink

    Corretto (avevo mentalmente già aggiunto i due giorni di ritardo non-ufficiali)!

4 Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii