Ho controllato sull'anello!

Irene ed io siamo sposati da quasi dieci anniCirca dieci anni fa, in questo stesso periodo, correvamo a destra e a manca per completare le ultime cose che si fanno prima di un matrimonio (e cercavamo intanto di capire cosa fare di noi subito dopo: lei se e quando partire per il Mozambico, io se accettare un contratto post-doc in Canada o sperare che mi prendessero per un Fellow al CERN). Tra le varie incombenze del caso, siamo anche andati a far fare gli anelli che ci saremmo scambiati.

Irene è una persona molto più "di mondo" di me, ma certi dettagli del galateo formale a volte le sfuggono. La realtà è che non le interessano, e risparmia neuroni per cose più importanti. Quando l'orafo ci ha sottoposto i due anelli, lei ha rigirato un po' il più piccolo, evidentemente pensato per il suo dito, ha scrutato l'incisione all'interno, e poi si è candidamente lamentata : "C'è un errore, questo è il chiaramente il mio anello, ma all'interno c'è scritto Marco...".  Ho portato via in fretta la futura sposa e gli anelli, prima che le omeriche risate dell'orafo ci sommergessero.

All'interno dei nostri anelli, oltre al nome del rispettivo compagno, c'è anche la data del matrimonio. Sebbene sia una scelta molto comune, nel nostro caso si è rivelata particolarmente appropriata. Per qualche oscura ragione, nonostante ci siamo sposati il tre di luglio, Irene è convinta ormai da quasi dieci anni che il nostro anniversario sia il quattro di luglio. Probabilmente lo confonde con la festa dell'Indipendenza americana, e mi chiedo se la cosa abbia un qualche significato. Succede allora che, quando deve ricordarsi la data corretta, si tolga l'anello per verificare: è una scena buffa, e, almeno per me, quasi commuovente.

Oggi ho scoperto che Particelle familiari ha una data ufficiale d'uscita, proprio il 3 luglio 2014, giorno del nostro decimo anniversario di matrimonio. Che bella combinazione! Ne è seguito questo rapido scambio di email tra me e la signora:

Da: Marco
A: Irene
Oggetto: Uscita libro

Ciao,
Il libro esce il 3 luglio 🙂 (test di attenzione: cosa succede il 3 luglio?)
M.

Da: Irene
A: Marco
Oggetto: Re: Uscita libro

ah ah ah, ho controllato sull'anello!!!
I.

Che non si dica poi che i gioielli non servono a nulla!

matrimonio_cerimonia_041.full

Questo inserimento è stato pubblicato in Vita di frontiera, Raccontare la scienza e il tag , , , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

9 Commenti

  1. vittorio d'auria
    Pubblicato il 20 maggio 2014 alle 14:41 | Permalink

    Può essere di un qualche interesse segnalarti quello che a me pare un lapsus significativo?
    Forse "... sperare che mi PERDESSERO per un Fellow al CERN ..." voleva essere "... sperare che mi PRENDESSERO per un Fellow al CERN ...".
    O forse mi sbaglio e va bene così.
    In ogni caso, i gioielli servono.

  2. Pubblicato il 20 maggio 2014 alle 14:58 | Permalink

    Mmmm, non so andrei a cercare così lontano, darei piuttosto la colpa al correttore automatico di OSX. 🙂 In ogni caso, corretto!

  3. Pier Luigi
    Pubblicato il 20 maggio 2014 alle 18:01 | Permalink

    Anche io faccio confusione con le date.
    Mia moglie è nata il 4/5 ed io a volte dico il 5/4, mio figlio il più grande è nato il 3 Marzo (e questo compleanno non lo sbaglio, perchè l'ho abbinato con il compleanno di mio nonno, ma se uno mi dovesse chiedere la sua data di nascita, a quel punto mi perdo.
    Per quello più piccolo è stato molto più facile 6 gennaio (la befana) 1985 (Chernobyl)
    La data del mio matrimonio 29 maggio (mese di mia moglie) ma non chiedetemi l'anno!?!?
    Quando seppi la data di mio padre (41 anni), per me Lui ha sempre avuto 41 anni, per un lungo periodo, fino alle medie.
    Dimentichiamo le date, forse perchè non si vorrebbe che i figli o i propri cari crescano!!!

    Ho un concetto del trascorrere del tempo, un po' particolare (non porto nessun orologio), e questo mi fa credere che il tempo non passi. Sono puntuale solo per gli appuntamenti, e già questo mi crea ansia.

  4. chiara
    Pubblicato il 20 maggio 2014 alle 19:19 | Permalink

    primo pensiero: sono già passati dieci anni?!?
    secondo pensiero: caspita a ottobre io e luca ne facciamo cinque!!!!!
    terzo pensiero: nel nostro caso è il contrario, cioè è luca che deve controllare l'anello!
    🙂

  5. Marco DG
    Pubblicato il 20 maggio 2014 alle 21:18 | Permalink

    io e Annette facciamo dieci anni di fidanzamento una settimana prima che vi siete sposati.... vi ricorderete, immagino, la mia felicità al matrimonio 😉

  6. My_May
    Pubblicato il 22 maggio 2014 alle 07:58 | Permalink

    ahhaha bellissimo questo post.
    La cosa che piu mi fa pensare è che un fisico oppure anche meglio un evoluzionista darwiniano direbbe che non esistono "combinazioni significative". Eppure è così bello cercarne uno...sarà per questo che alle volte gli scienziati (non tutti, solo quelli che ci mettono l'anima per tentare di dissuaderci nel tovare significati nella nostra vita) mi stanno un po' antipatici 😀

  7. Pubblicato il 22 maggio 2014 alle 10:35 | Permalink

    E poi il fatto che gli esperimenti del CERN si fanno su un grosso anello!

  8. salvo
    Pubblicato il 22 maggio 2014 alle 11:56 | Permalink

    bellissimo. doppi auguri!

  9. Pubblicato il 20 luglio 2014 alle 13:34 | Permalink

    Non per nulla io e la mia ci siamo sposati il giorno del mio compleanno…

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii