Perché di notte fa buio?

"Facile, perché non c'è il Sole!", mi ha risposto garrula Giulia l'altra sera, dopo che le avevo chiesto se sapeva perché di notte il cielo è scuro. La sua risposta, però, è sbagliata. La vera ragione del perché di notte fa buio è decisamente meno banale, e per arrivarci ci è voluto un bel po'. Un pezzo scritto per DafDaf di Aprile 2014: buona lettura.

DafDaf_43_04-14_p13

DafDaf_43_04-14_p14

DafDaf_43_04-14_p15

Questo inserimento è stato pubblicato in Raccontare la scienza e il tag , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

9 Commenti

  1. GIGI
    Pubblicato il 6 aprile 2014 alle 14:56 | Permalink

    Olbers, Marco, Olbers. http://it.wikipedia.org/wiki/Heinrich_Wilhelm_Olbers Errore veniale, ma la spiegazione non è un po' difficile per dei ragazzini?
    Ottimo comunque, come sempre.
    Aspetto il tuo libro...

  2. Luca Truffarelli
    Pubblicato il 12 aprile 2014 alle 17:44 | Permalink

    Probabilmente sto semplificando troppo, ma assumendo che le masse in genere viaggiano ad una velocità molto inferiore a quella della luce (e non volendo prendere in considerazione la teoria della curvatura) non dovrebbe essere molto difficile che possano esistere stelle lontane più di quattordici miliardi di anni luce (seppure non siamo al centro dell'originale bing bang)?

  3. Pubblicato il 13 aprile 2014 alle 20:18 | Permalink

    Il punto è che non sono le stelle che si allontanano da noi mentre noi stiamo fermi, ma è lo spazio stesso che si espande. Se la vedi così, allora è ben possibile che ci sia qualcosa al di là ai 14 milioni di anni luce, di cui non possiamo dire proprio niente perché non ci è arrivata nessuna informazione (e forse non ce ne arriverà mai).

  4. Luca Truffarelli
    Pubblicato il 13 aprile 2014 alle 21:58 | Permalink

    Sapevo che c'era una spiegazione (anche se mi apre un mondo nuovo). Grazie per avermi risposto 🙂

  5. DarioP
    Pubblicato il 29 aprile 2014 alle 16:29 | Permalink

    Dunque con uno strumento adeguatamente sensibile ed isolato (in orbita?) dovrebbe essere possibile stimare l'età dell'universo dalla luminosità notturna mediata su un angolo solido sufficientemente ampio per compensare le non omogeneità nella distribuzione delle stelle.
    Hai per caso idea se tale misura sia fattibile/stata fatta?

  6. Pubblicato il 29 aprile 2014 alle 16:33 | Permalink

    In effetti qualcosa di simile si può fare, e viene fatto per esempio dall'esperimento WMAP. Qualche informazione al fondo di questo link:
    http://wmap.gsfc.nasa.gov/universe/uni_age.html

  7. Gaetano
    Pubblicato il 2 maggio 2014 alle 16:14 | Permalink

    Marco, mi hai fatto ricordare che mi manca la Via Lattea!
    I miei primi anni si sono svolti (anni 50) in un paesino degli appennini campani. Molto poco illuminato e le stelle si vedevano proprio bene compreso le Via Lattea che attraversava il cielo come una lama bianca...Purtroppo hanno illuminato a giorno anche il mio paesino e le stelle bisogna andarle a cercare negli Alburni... ma, per fortuna è ancora possibile. Scusate l'OT

  8. Andrea
    Pubblicato il 25 maggio 2014 alle 08:04 | Permalink

    E se in un ipotetico universo fittizio la densità stellare decrescesse asintoticamente ed esponenzialmente verso lo zero all'aumentare della distanza?
    Avremmo cieli scuri ed universo infinito?

  9. Andrea
    Pubblicato il 26 maggio 2014 alle 05:05 | Permalink

    Ok, mi rispondo da solo, la risposta è sì, con una distribuzione frattale >2. Bastava controllare wikipedia. Ovviamente un siffatto universo è improbabile.

Un Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii