Aria

Arriva l'estate, e nei prossimi mesi le pagine di scienza di DafDaf virano verso il giocoso. Il filo conduttore dei numeri estivi saranno i quattro elementi di aristotelica memoria, aria, acqua, terra e fuoco, ottime scuse per giocare con la fisica di base. A me sono toccati l'aria e l'acqua, per i numeri di luglio e agosto. Per l'occasione, ho persino guadagnato il doppio  dello spazio, e dunque ben quattro pagine! Questa mese si chiacchiera dei gas e delle loro proprietà, e si sperimenta con la pressione e l'atmosfera. Le belle illustrazioni sono di Chiara Fucà. Buona lettura, e buoni esperimenti!

 

Questo articolo è stato pubblicato in Scrivere di scienza e ha le etichette , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

4 Commenti

  1. GIGI
    Pubblicato 2 luglio 2012 alle 10:14 | Link Permanente

    Bravissimo Marco! Uno degli scopi della divulgazione, a mio avviso, è quello di stimolare la curiosità. Cosa meglio che cominciare dai bambini? Inoltre questi molto probabilmente coinvolgeranno i genitori, che nella stragrande maggioranza non sanno nulla (o molto poco) di quello che racconti e forse si incuriosiranno anche loro.
    P.S.
    Complimenti per il tuo lavoro e per i tuoi successi.

  2. Nicola
    Pubblicato 2 luglio 2012 alle 16:49 | Link Permanente

    cioe', fammi capire, se io ho un tubo piu' lungo di 10 metri e rotti, l'acqua arriva fino a li e poi da li in su si forma il vuoto? o resta tutto vuoto ?

  3. Pubblicato 2 luglio 2012 alle 16:54 | Link Permanente

    @Nicola: se hai un tubo più lungo di 10 metri (e lo metti perfettamente verticale: la sola cosa che conta è il dislivello, non la lunghezza in sé) e aspiri, oltre i 10 metri si forma il vuoto. Ovviamente ci sono metodi per fare salire una colonna d'acqua oltre questo limite (altrimenti niente docce oltre al quarto piano!), ma non con la sola aspirazione dall'alto.

  4. Fabiano
    Pubblicato 3 luglio 2012 alle 18:37 | Link Permanente

    Quindi 1 Torr = 1 mmHg. Non lo sapevo, in questo blog si impara sempre qualcosa di nuovo. :-)

Un Trackback

  1. [...] al Cern, per ingannare l’attesa, invece di rosicchiarsi le unghie Marco spiega l’aria a Oliver e ai piccoli bipedi. function fanbutton(appidd,page,w,div,show_faces,stream,header) { [...]

Rispondi