Aria

Arriva l'estate, e nei prossimi mesi le pagine di scienza di DafDaf virano verso il giocoso. Il filo conduttore dei numeri estivi saranno i quattro elementi di aristotelica memoria, aria, acqua, terra e fuoco, ottime scuse per giocare con la fisica di base. A me sono toccati l'aria e l'acqua, per i numeri di luglio e agosto. Per l'occasione, ho persino guadagnato il doppio  dello spazio, e dunque ben quattro pagine! Questa mese si chiacchiera dei gas e delle loro proprietà, e si sperimenta con la pressione e l'atmosfera. Le belle illustrazioni sono di Chiara Fucà. Buona lettura, e buoni esperimenti!

 

Questo inserimento è stato pubblicato in Scrivere di scienza e il tag , , , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

4 Commenti

  1. GIGI
    Pubblicato il 2 luglio 2012 alle 10:14 | Permalink

    Bravissimo Marco! Uno degli scopi della divulgazione, a mio avviso, è quello di stimolare la curiosità. Cosa meglio che cominciare dai bambini? Inoltre questi molto probabilmente coinvolgeranno i genitori, che nella stragrande maggioranza non sanno nulla (o molto poco) di quello che racconti e forse si incuriosiranno anche loro.
    P.S.
    Complimenti per il tuo lavoro e per i tuoi successi.

  2. Nicola
    Pubblicato il 2 luglio 2012 alle 16:49 | Permalink

    cioe', fammi capire, se io ho un tubo piu' lungo di 10 metri e rotti, l'acqua arriva fino a li e poi da li in su si forma il vuoto? o resta tutto vuoto ?

  3. Pubblicato il 2 luglio 2012 alle 16:54 | Permalink

    @Nicola: se hai un tubo più lungo di 10 metri (e lo metti perfettamente verticale: la sola cosa che conta è il dislivello, non la lunghezza in sé) e aspiri, oltre i 10 metri si forma il vuoto. Ovviamente ci sono metodi per fare salire una colonna d'acqua oltre questo limite (altrimenti niente docce oltre al quarto piano!), ma non con la sola aspirazione dall'alto.

  4. Fabiano
    Pubblicato il 3 luglio 2012 alle 18:37 | Permalink

    Quindi 1 Torr = 1 mmHg. Non lo sapevo, in questo blog si impara sempre qualcosa di nuovo. :-)

Un Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Notifiche via email

    Non perderti neanche un aggiornamento! Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere un messaggio ogni volta che un nuovo articolo viene pubblicato:

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Categorie

  • Chiacchiere in corso

    • Collisioni preliminari
      • Marco: 450, 450, accidenti! Correggo!
      • mm: “circolavano infatti entrambi a 900 GeV” occhio ai refusi :-)
    • Quanto accidenti è costato LHC?
      • Marco: Beh, il costo di funzionamento è circa quello di un reparto di un ospedale di una città di...
      • andrea: 3 miliardi di euro spesi bene. Basta ke s divida anke la bolletta della luce… :-)
      • Marco: Gentile Giuda, Grazie per tuo pacato ed equilibrato contributo, e per i piacevoli epiteti...
    • Entrambi i fasci di LHC portati a 6.5 TeV!
      • Marco: Ciao a tutti, e scusate la latitanza ma sono giusto un dito preso :-) Per le questioni...
      • Ettore: Allora, se la frequenza delle cavità RF è 400Mhz vuol dire che ogni buket è lungo 2,5ns...
      • dario: Se si lavorerà con energie di molto maggiori alle precedenti, avrai problemi nella...
      • dario: Grazie Augusto per il chiarimento…
      • Augusto Ferrari: confermo ho appena pubblicato una risposta a Dario ma se ne leggono come degli...