Curricula

Essendomene andato in giro con il curriculum in tasca per una buona parte della primavera, la preparazione del suddetto curriculum mi ha impegnato per parecchio tempo. Come tutti ne ho una versione tradizionale, un PDF che ho spedito in giro via email, e stampato per quelle istituzioni che ancora pretendono i documenti di carta (leggi: le Università italiane, per esempio quelle che bandiscono i concorsi ma poi non li fanno, giusto per citare un caso che mi ha toccato personalmente). Ne ho anche una versione ridotta sul web che tendo a considerare più utile, ma che non so quanto sia stata consultata dai miei potenziali datori di lavoro durante la ricerca. Come dicevo qualche tempo fa, ho invece abbandonato LinkedIn. Non sono mai riuscito a trovare il tempo di finire e ripulire il mio profilo fino a renderlo veramente utile, e le mie connessioni su quel social network erano tristemente ben poco professionali: di fatto, i fisici non lo usano.

Recentemente mi sono imbattuto in un'infografica interessante che riassume come il formato del curriculum sia evoluto negli anni. Pare che il primo curriculum sia stato compilato da Leonardo da Vinci, e che un curriculum in PDF spedito via email faccia molto 1996. Quanto siamo indietro?

Dopo essere stati ammessi al concorso CNRS, la procedura prevede un'audizione di 20 minuti, i cui primi 10 (dieci!) sono dedicati a una presentazione che deve riassumere il proprio curriculum professionale, e una selezione dei proprio risultati nel corso degli anni. È stata probabilmente la presentazione più difficile che abbia mai dovuto preparare: dieci minuti sono un tempo brevissimo, e condensare i punti salienti della propria carriera in modo convincente è un'impresa complicata. In quell'occasione ho dedicato al mio curriculum una sola slide, in cui disegno mi ha preso un paio di giorni, tra lo schema iniziale e la ripulitura. Eccola qui:

Questo versione rientra probabilmente nella categoria dei digital CV and infographic (ma forse dovrei aggiungere dei link, o usare qualcosa come Prezi per aggiungere dettagli sulle varie sezioni), cosa che mi rincuora: non sono poi così obsoleto! E mi fa tornare in mente qualcosa che mi ero appuntato tempo fa come argomento da trattare in queste pagine. Per scelta, nella mia presentazione all'audizione CNRS non ho usato un singolo bullet point, le maledette liste puntate che sono il default di PowerPoint. I bullet point, e più in generale l'uso pedestre e maldestro delle presentazioni (Powerpoint, Keynote o Beamer, poco importa) fanno male al cervello, di chi presenta e di chi ascolta. L'ho già detto più volte qua e là, ma nel corso dell'autunno conto di scriverci qualche articoletto, per il vostro massimo diletto.

E i vostri curricula, come sono? Funzionano?

Questo inserimento è stato pubblicato in Scienza e dintorni, Geeking & Hacking e il tag , , , , , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

13 Commenti

  1. Manu
    Pubblicato il 15 settembre 2011 alle 13:05 | Permalink

    Oh yes, e' difficile riassumersi in 10 minuti, mi e' toccato l'anno scorso e anche io ho fatto una slide di quel genere..no, in realta' no, non sono riuscita a condensare tutto in una, ma ne avevo 2-3.

    Il mio CV tradizionale andrebbe aggiornato e ripulito, ma uffa, ci pensero' alla prossima scadenza di contratto (male, malissimo, dovrei aggiornarlo strada facendo...). Evidentemente l'ultimo a funzionato visto che il posto l'ho preso 😀

    Quanto alle presentazioni, ho appena acchiappato un libro interessante alla fiera del libro scientifico qui al CERN, se vuoi te lo passo: uno degli autori e' per esperienza un ottimo presentatore, quindi ho pensato che magari qualcosa di utile ce lo trovo. I bullet point li ho abbandonati da un po' in favore dell'approccio infografico (ma e' difficile convincere tutti quelli con cui lavoro a usare lo stesso approccio).

  2. Pubblicato il 15 settembre 2011 alle 13:33 | Permalink

    Sui curriculum:
    Ho anche io finito di mandare curriculum in giro (ma in aziende private) e devo dire che il buon vecchio curriculum in pdf ha fatto il suo dovere.
    Sulle presentazioni:
    Mah... Non lo so se i bullet point sono veramente il male
    Talvolta devi portare delle informazioni precise e vuoi strutturarle: dato che non ha senso mettere delle frasi sugli slides, ma che magari vuoi che chi sente possa prendere appunti facilmente, la lista di keywords può avere un senso. Alla fine sono un mezzo come un altro. Fanno bene se lo usi bene, male se ne abusi.
    E in generale: secondo me questo accento sulle capacità di presentazione etc è abbastanza tipico dell'ambiente accademico ed è principalmente dovuto 1) alla mostruosa concorrenza presente e 2) alla maniera in cui la scienza viene finanziata
    Ma questa è un'altra storia.

  3. Pubblicato il 15 settembre 2011 alle 13:33 | Permalink

    Dimmi, dimmi, che libro è? Io ne ho comprati o presi in prestito un paio parecchio interessanti nel passato recente, sono curioso di vedere se facciamo le stesse letture. E poi la fiera dura fino a stasera, no? Magari faccio un salto a fare acquisti!

  4. Pubblicato il 15 settembre 2011 alle 13:48 | Permalink

    Tempo fa ho suggerito a qualcuno che anche poteva essere utile allo scopo

  5. Pubblicato il 15 settembre 2011 alle 13:49 | Permalink

    ehm, volevo dire Dipity (il link è giusto) sorry

  6. Pubblicato il 15 settembre 2011 alle 13:57 | Permalink

    Evidentemente il mio non funziona, lavoro in questa ditta da ormai 10 anni... forse perché sono fermo al 1996...

  7. franco zoccheddu
    Pubblicato il 15 settembre 2011 alle 16:15 | Permalink

    invierei il mio cv sorridendo davanti a un bel tramonto
    coi miei bambini e mia moglie, scrivendo solo
    "essere umano"

  8. Manu
    Pubblicato il 15 settembre 2011 alle 23:15 | Permalink

    Argh, non ho avuto tempo di rispondere oggi: il libro e' di Ken Peach, grande fisico ed eccellente presentatore!

  9. cla
    Pubblicato il 16 settembre 2011 alle 09:49 | Permalink

    @Marco
    ciao Marco!
    Puoi suggerirmi qualche libro per saperne di più sull'approccio infografico nelle presentazioni? O anche qualche link che tu ritieni utile..

    grazie mille e scusa per il disturbo

  10. Pubblicato il 16 settembre 2011 alle 10:01 | Permalink

    @Cla: si posso, ma non adesso 🙂 Contavo di scriverci più approfonditamente, non vuoi mica guastarti la sorpresa? 😛

  11. cla
    Pubblicato il 16 settembre 2011 alle 12:20 | Permalink

    be allora molto meglio la sorpresa!!! 🙂 grazie!

  12. Pubblicato il 25 settembre 2011 alle 11:21 | Permalink

    Forse non tutti sanno che ogni giorno svariate persone vengono uccise dalle slide in PowerPoint.

    Nelle mie presentazioni io mi attengo rigorosamente ai consigli di Alexei Kapterev:
    http://online.physics.uiuc.edu/courses/phys496/Spring11/Death-by-Powerpoint.pdf

    ottenendo sempre complimenti per la chiarezza di esposizione, eccetera. Invito tutti a fare lo stesso: con l'impegno di tutti il morbo delle liste puntate può essere sconfitto. 😉

  13. maurizio
    Pubblicato il 10 agosto 2013 alle 14:11 | Permalink

    forte, sono venuto a fare un talk a RD49, ma solo diversi anni fa

Un Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii