Più di tutti mi piacciono i due punti

Detesto i puntini di sospensione. Negli articoli, nei messaggi di posta elettronica, in ogni testo. I puntini di sospensione ti lasciano da solo... a mezz'aria a lambiccarti... sottintendono una resa, un abdicare all'uso delle parole, come se non trovassi quelle con il colore giusto per descrivere ciò che vuoi dire, e strizzassi l'occhio al tuo lettore: prova un po' a immaginare quello che intendo, quasi che io sia lì a farti una smorfia, un gesto con le mani, un'espressione con gli occhi per aiutarti a capire. Ma io non solo lì, e tu resti sospeso sul bordo, incerto su cosa ci sia al di là del baratro, da solo.

Mi piace il punto e virgola. Mi piace perché è vecchio e poco usato, ed io ho un debole per i solitari con pochi amici. Mi piace perché è saggio come una persona anziana: sa mettere al loro posto le cose, separando quello che uguale non è; eppure sa gettare ponti, scoprendo similitudini e contatti tra mondi apparentemente lontani, tra facce diverse della stessa realtà.

Più di tutti mi piacciono i due punti: sono il compagno curioso e coraggioso, quello che quando l'avventura sembra finita è lì a dirti: avanti, ancora un passo, coraggio: c'è ancora molto da scoprire più in là; dietro l'angolo - che tu ci creda o meno - ci aspettano risposte nuove.

Questo inserimento è stato pubblicato in Letture e riflessioni, Mezzi e messaggi e il tag , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

12 Commenti

  1. juhan
    Pubblicato il 4 marzo 2009 alle 16:44 | Permalink

    il ; è fondamentale nei linguaggi di programmazione derivati da Algol (anche il C rientra in questi, ma c'è chi non lo ammetterà mai). Adesso uso Python, non c'è più il punto-virgola ma in compenso c'è il due-punti (OK, c'è anche in Algol/Pascal e C++).

  2. claudio b.
    Pubblicato il 5 marzo 2009 alle 11:32 | Permalink

    hem, hem, nella Lingua Italiana non sarebbe consentito l'uso di due incisi consecutivi separati da due punti; vale a dire, non è consentito mettere ::. Questo, se si vuole fare i puristi.
    A scelta, e secondo il senso da dare alla frase, si sarebbe dovuto scegliere tra:
    1- "Più di tutti mi piacciono i due punti, PERCHE' sono il compagno curioso e coraggioso, quello che quando l’avventura sembra finita è lì a dirti: <>." (i primi due punti erano per introdurre una causale, i secondi per introdurre un discorso diretto che però andrebbe separato dalla principale).
    2- "Più di tutti mi piacciono i due punti: sono il compagno curioso e coraggioso, quello che quando l’avventura sembra finita è lì a dirti CHE ANDANDO UN PO' avanti, ancora un passo PIU' IN LA', CON coraggio, c’è ancora molto da scoprire; dietro l’angolo - che tu ci creda o meno - TI aspettano risposte nuove. (tutto in forma di discorso indiretto - molto meno suggestivo, ma a qualcuno piacerebbe così, vedasi la mia prof di Italiano del liceo)

    😉 scherzo, ognuno scriva con lo stile che più gli piace, ci mancherebbe!

    Saluti!

  3. claudio b.
    Pubblicato il 5 marzo 2009 alle 11:37 | Permalink

    Argh! mi sono dimenticato che la formattazione della pagina vede le parentesi uncinate (i segni "maggiore" e "minore") come tags, e maciulla il testo...
    Ci riprovo, e mi scuso per il raddoppio di bytes:
    ---
    hem, hem, nella Lingua Italiana non sarebbe consentito l’uso di due incisi consecutivi separati da due punti; vale a dire, non è consentito mettere "frase":"frase":"frase". Questo, se si vuole fare i puristi.
    A scelta, e secondo il senso da dare alla frase, si sarebbe dovuto scegliere tra:
    1- “Più di tutti mi piacciono i due punti, PERCHE’ sono il compagno curioso e coraggioso, quello che quando l’avventura sembra finita è lì a dirti: "avanti, ancora un passo, coraggio: c’è ancora molto da scoprire più in là; dietro l’angolo - che tu ci creda o meno - ci aspettano risposte nuove." ” (i primi due punti erano per introdurre una causale, i secondi per introdurre un discorso diretto che però andrebbe separato dalla principale - nella riscrittura, ho provato a usare le doppie virgolette al posto dei doppi uncini, per non veder sparire il pezzo di frase, ma non è graficamente corretto).
    2- “Più di tutti mi piacciono i due punti: sono il compagno curioso e coraggioso, quello che quando l’avventura sembra finita è lì a dirti CHE ANDANDO UN PO’ avanti, ancora un passo PIU’ IN LA’, CON coraggio, c’è ancora molto da scoprire; dietro l’angolo - che tu ci creda o meno - TI aspettano risposte nuove. (tutto in forma di discorso indiretto - molto meno suggestivo, ma a qualcuno piacerebbe così, vedasi la mia prof di Italiano del liceo)

    scherzo, ognuno scriva con lo stile che più gli piace, ci mancherebbe!

    Saluti!

  4. Pubblicato il 5 marzo 2009 alle 11:44 | Permalink

    Claudio, ti dirò in confidenza: più di tutti mi piacciono i due punti, anche se non come la pizza salsiccia-e-friarielli! 🙂

  5. claudio b.
    Pubblicato il 5 marzo 2009 alle 13:28 | Permalink

    YUM !!!!! (eh sì, in certi casi i punti esclamativi amano stare in compagnia! 😉 )

  6. Gianluca G.
    Pubblicato il 5 marzo 2009 alle 14:12 | Permalink

    sono reduce da una leggerissima pizza gorgonzola, cipolle e prosciutto e mentre la mangiavo non pensavo alla punteggiatura, vale lo stesso?

  7. Davide B.
    Pubblicato il 5 marzo 2009 alle 20:11 | Permalink

    Questa è Fisica delle particelle grammaticali 😉

  8. Pubblicato il 6 marzo 2009 alle 13:39 | Permalink

    D'accordissimo: credo di essere uno dei pochi a mettere i due punti e il punto e virgola anche negli SMS; solo mi domando se abbiamo una comune tara genetica o se certe cose si imparano studiando fisica delle particelle.

  9. Gianluca G.
    Pubblicato il 6 marzo 2009 alle 13:46 | Permalink

    sicuramente il punto, confrontato con ad esempio una bella W è una particella ....

    PS ma i puntini che ho messo alla fine del messaggio sono in controtendenza con l'argomento del post? 😉

  10. Max
    Pubblicato il 6 marzo 2009 alle 22:42 | Permalink

    cmq il peggio del peggio sono le virgolette, usate come si fa ormai troppo spesso, ovvero il "tra virgolette" :

    "egli sembra, tra virgolette, un imbecille"

    Magari accompagnato dal gesto delle dita "a orecchie di coniglio" 🙂

    Ciao

    Max

  11. Max
    Pubblicato il 6 marzo 2009 alle 22:43 | Permalink

    p.s.: sono piu' o meno a dieta, quindi niente pizza col gorgonzola ne' con la salsiccia... sigh.
    Vedro' di compensare con una bella fiorentina nel week end !

  12. Connie
    Pubblicato il 10 marzo 2009 alle 11:47 | Permalink

    Ecco.. io li adoro! E parlo proprio dei puntini di sospensione! Secondo me sostituiscono in modo discreto tutte quelle parole ovvie che potrebbero sminuire l'intelligenza del destinatario. Poi se sei un appassionato di Myst non puoi perderti dietro 3 puntini! 😛
    Devo dire che non mi sono mai sentita sola davanti ai puntini di sospensione.. anzi! Mi danno la sensazione di una finestra aperta in una stanza buia.

    P.S. Manco a dirlo li preferisco ai friarielli!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii