(Come e perché) si può spiegare il bosone di Higgs?

Camogli_2015-09-12_1Nel weekend sono a stato a Camogli, e sono stato fortunato. L'allerta meteo di livello 2 ha infatti obbligato gli organizzatori del Festival della Comunicazione a far saltare tutti gli eventi previsti per domenica: la mia conferenza era prevista per sabato, quando ancora il sole scaldava la riviera ligure, e un sacco di persone si spostavano da una terrazza all'altra per partecipare agli incontri. Il tendone che mi avevano assegnato, la Terrazza delle Idee, era dunque ben brulicante di occhi, teste e cuori.

Camogli_2015-09-12_2È stata una bella esperienza, per molti versi diversa da quelle a cui mi presto di solito. Invece che cercare di spiegare la fisica delle particelle, ho provato a raccontare quali siano state le strategie e le scorciatoie usate dai media per raccontare proprio la scoperta del bosone di Higgs. Con il pubblico abbiamo dunque ragionato delle metafore più usate (e abusate) per spiegare ai profani il meccanismo di Higgs, della loro efficacia, e di come la scelta di una particolare narrazione della scoperta scientifica veicoli un messaggio tutt'altro che neutro. A questa introduzione, poi, ho fatto seguire la mia narrazione preferita, quella che sfrutta il racconto dell'invenzione, ricerca e scoperta del bosone di Higgs per parlare di metodo scientifico, e delle caratteristiche specifiche della conoscenza scientifica.

Come avevo promesso la settimana scorsa, metto qui sotto il materiale che ho proiettato durante la chiacchierata. Non vale molto senza il mio sproloquio a accompagnarlo, ma potrebbe dare un'idea dei temi toccati. Ho anche scritto un pezzo, uscito ieri per il Fatto Quotidiano, che prova a fare la sintesi di quello di cui ho parlato: metto anche quello lì sotto (e peccato, come sempre, per il titolo scelto, gli errori grossolani - il Festival era a Camogli, a Sarzana c'è quello della Mente! - l'iconografia casuale - perché CMS? - e l'immancabile richiamo becero alla "particella di Dio", di cui ovviamente l'articolo non parla). Che ne pensate?

 

ilfatto20150913_SpiegareBosoneHiggs

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica, Raccontare la scienza e il tag , , , , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

3 Commenti

  1. Emanuele
    Pubblicato il 14 settembre 2015 alle 16:50 | Permalink

    Penso che molti tra titolisti & c. che abitano le redazioni dei giornali italiani non meritino i soldi che vanno a comporre il loro stipendio.
    Ah, dicevi della presentazione? Bella, ma dal vivo con il tuo sproloquio ancora di più!

  2. Roberto
    Pubblicato il 14 settembre 2015 alle 22:49 | Permalink

    CMS è più bello. Stacce.

  3. Pubblicato il 15 settembre 2015 alle 07:02 | Permalink

    CMS è bellissimo, elegante e lucido 🙂 Però almeno una foto in caverna potevano prenderla.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii