Planare sulle cose dall’alto

Siete in 69 ad avere lasciato un pensiero, un buon proposito per il 2013, un saluto. Grazie a tutti, li ho letti volentieri, ed è sempre bello toccare con mano che, formichine che siamo sulla superficie di questo pianeta perso nell'universo bizzarro in cui ci siamo ritrovati a vivere, abbiamo tutti desideri simili e speranze comuni.

RandomExtraction_2013-01-17Stamattina ho usato al volo il solito generatore di numeri casuali (quello informatico: la macchina quantistica è a scuola), per vedere a chi debba andare il biglietto di auguri. È uscito il numero 10, che, se ho contato bene, corrisponde a Pasquale Granato. Pasquale, ti ho scritto per sapere il tuo indirizzo, appena rispondi spedisco. A tutti gli altri, coraggio: prima o poi estrarremo qualcos'altro... 🙂

Vi lascio riprendendo i due messaggi che mi hanno colpito di più, forse perché di più risuonano con quello che vorrei fare ed essere anch'io, più in un modo di vivere le cose che nelle cose stesso che scelgo o mi ritrovo a fare.

Per l'anno nuovo auguro la tranquillità, anche se non deve essere necessariamente legata al fare poco, ma più ad una certa maniera di fare le cose. (Andrea)

Il mio proposito per il 2013 è di imparare ad essere lieve. (Vale)

Ricambio con una frase di Italo Calvino, che sia buona per il vostro 2013.

Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore.

(Italo Calvino)

Questo inserimento è stato pubblicato in Letture e riflessioni, Mezzi e messaggi e il tag , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

6 Commenti

  1. My_May
    Pubblicato il 17 gennaio 2013 alle 11:49 | Permalink

    Purtroppo io non ho ancora capito nulla della vita quindi non so a cosa servano gli auguri.
    Pensateci un momento e cercate di darmi una risposta. Mi potrei augurare di essere più tranquillo nel 2013, questo significa che devo sperare di non arrabbiarmi mai oppure che non succedano mai fatti che mi farebbero arrabbiare? I fatti che mi farebbero arrabbiare non li causo io quindi sono casuali (!) e posso augarmi solo che il caso non si accanisca contro di me, ma in che modo posso augarmi di non arrabbiarmi? Prendetelo come esempio. Alcune volte sembra che arrabbiarsi (ad esempio) sia una colpa. Sarà colpa mia quindi se mi arrabbio? Devo necessariamente trovare un modo per non arrabbiarmi mai anche se tutto sembra creato apposta per ottenere questo mio stato d'animo? Come è possibile? Per quale motivo tutto quel che succede dovrebbe scivolarmi come l'acqua scivola sui vetri?
    Ci avete mai pensato? A chi si riferiscono quindi gli auguri di Buon Anno? Sembrano riferirsi al Fato.
    Allora... Fato, ti scrivo questa letterina (sperando che questa non disturbi l'animo di nessuno) fa in modo che My_May (e tutti quelli che credono in questo significato di augurio) non abbia motivo di arrabbiarsi per tutto il 2013! Perchè fato carissimo, mo', con tutto il rispetto, hai rotto i @@ (e scusa il francesismo) .

  2. cla
    Pubblicato il 17 gennaio 2013 alle 13:13 | Permalink

    bellissima frase di Calvino, grazie! non la conoscevo!

  3. Pier Luigi
    Pubblicato il 17 gennaio 2013 alle 15:30 | Permalink

    ...sfido che non è uscito il mio numero, hai usato un "The Random Number Generator",
    mentre se tu avessi usato un "The Radom Number Generator" veniva il mio numero.... :))
    Sono talmente "leggero" che nessumo me se fila (come si dice a Roma)!

  4. Pubblicato il 17 gennaio 2013 alle 15:41 | Permalink

    Mmm, il radon è il gas naturale più pesante che esista, circa 6 volte più pesante dell'aria. Se sei così leggero forse dovevo usare un Helium Number Generator (ma poi usciva qualcuno che si chiama Elio) 🙂

  5. Daniele S.
    Pubblicato il 17 gennaio 2013 alle 20:23 | Permalink

    Certo che per "planare sulle cose dall'alto" ci vuole una graaande maturità! E soprattutto, sapere di essere una formichina sulla superficie di un pianeta perso nel nulla, con una percezione della realtà che, man mano che la scienza procede, risulta sempre più far acqua da tutte le parti, non mi tranquillizza per niente! Altro che "lieve", me sento pesaaante! :-O
    Ciao Marco, un abbraccio
    Daniele S.

  6. Pasquale
    Pubblicato il 25 gennaio 2013 alle 09:43 | Permalink

    Biglietto d'auguri testè giunto, facilitato forse dal non dover uscire dalla Svizzera.
    Grazie! Sono felice ed orgoglioso di possederlo, in un anno poi così importante e significativo per la fisica delle particelle.
    Ancor più contento per la presenza in firma di tutta la famiglia Delmastro (compreso Oliver!).

    P.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii