La guerra è il rimedio migliore che ci sia

Cominciano a insegnarti che è tuo sacro dovere
difendere la patria, difender le frontiere
lo insegnano alla scuola, lo dice il sillabario
lo recitano tutti a guisa di rosario.
È tuo sacro dovere, devi esserne entusiasta
se non ci credi sei castrato pederasta
non crederci vuol dire non solo essere vili
ma inoltre essere privi di organi virili.

A volte viene il giorno che non c'è più guadagno
e che l'economia è in fase di ristagno
che quel che si produce non trova più acquirenti
o che i lavoratori son troppo esigenti.
A volte viene il giorno che per l'economia
la guerra è il rimedio migliore che ci sia
vivifica l'industria, zittisce i sindacati
tien su il prodotto lordo e crea nuovi mercati.

Fausto Amodei, Perché una guerra, in "Se non li conoscete", 1973

Questo inserimento è stato pubblicato in Militanza e il tag , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

11 Commenti

  1. Pubblicato il 22 marzo 2011 alle 14:14 | Permalink

    sembra scritta ieri

  2. Max
    Pubblicato il 22 marzo 2011 alle 14:32 | Permalink

    Vien paura a pensare cosa succederà quando Cina e India, smorzata la crescita mostruosa che hanno adesso, si troveranno con l' economia della cacca..... Chissà se poi i nostri politici geniali penseranno ancora che la "guerra umanitaria" è utile, quando ce la faranno a noi gli altri....

    Max

  3. Marco Muroni
    Pubblicato il 23 marzo 2011 alle 09:50 | Permalink

    E l'acqua si riempie di schiuma il cielo di fumi
    la chimica lebbra distrugge la vita nei fiumi
    uccelli che volano a stento malati di morte
    il freddo interesse alla vita ha sbarrato le porte
    un'isola intera ha trovato nel mare una tomba
    il falso progresso ha voluto provare una bomba
    poi pioggia che toglie la sete alla terra che è viva
    invece le porta la morte perché è radioattiva

    Eppure il vento soffia ancora
    spruzza l'acqua alle navi sulla prora
    e sussurra canzoni tra le foglie
    bacia i fiori li bacia e non li coglie

    Un giorno il denaro ha scoperto la guerra mondiale
    ha dato il suo putrido segno all'istinto bestiale
    ha ucciso, bruciato, distrutto in un triste rosario
    e tutta la terra si è avvolta di un nero sudario
    e presto la chiave nascosta di nuovi segreti
    così copriranno di fango persino i pianeti
    vorranno inquinare le stelle la guerra tra i soli
    i crimini contro la vita li chiamano errori

    Eppure il vento soffia ancora
    spruzza l'acqua alle navi sulla prora
    e sussurra canzoni tra le foglie
    bacia i fiori li bacia e non li coglie
    eppure sfiora le campagne
    accarezza sui fianchi le montagne
    e scompiglia le donne fra i capelli
    corre a gara in volo con gli uccelli

    Eppure il vento soffia ancora...

  4. Maria
    Pubblicato il 25 marzo 2011 alle 09:56 | Permalink

    la guerra è una cosa seria
    buffoni e burattini non la faranno mai... (bennato dixit...)
    meditate gente meditate

  5. Pubblicato il 29 marzo 2011 alle 18:49 | Permalink

    Interessantissimo questo blog!
    Io capisco di Fisica meno del tuo cane Oliver eppure sei riuscito a farmi intuire che cosa sia la "particella di Dio". Grazie. (Anche a nome della zia di mia moglie alla quale devo spiegare che cosa sia il bosone di Higgs). Quanto a questo post..... noto con dispiacere che scienziati ed artisti hanno da sempre usato metafore per descrivere la realtà. Usato la bidimensione per descrivere i meccanismi della vista....mentito o esagerato per far toccare la verità.
    E' curioso come l'uomo riesca a fare quasi sempre gli stessi sbagli senza rendersene conto...anzi quanto s'impegni per osservarli da punti di vista differenti affinchè possa illudersi d'essere nel giusto.
    Chi vuole trarre beneficio dalla stupidità della gente lo sa bene: .....Mai sottovalutare il potere della negazione!! (da American Beauty).
    Ciao continuerò a leggere!
    Andrea

  6. bob
    Pubblicato il 7 aprile 2011 alle 10:00 | Permalink
  7. Pubblicato il 7 aprile 2011 alle 10:10 | Permalink

    Facciamo del nostro meglio 🙂

  8. Pubblicato il 8 aprile 2011 alle 18:53 | Permalink

    Sarebbe interessante un approfondimento in merito 🙂 (mi riferisco al messaggio di Bob)

  9. My_May
    Pubblicato il 8 aprile 2011 alle 21:40 | Permalink
  10. Pubblicato il 8 aprile 2011 alle 22:41 | Permalink

    seeeeeeeee vabbè, aspettiamo che gli insigni ci illuminino.
    il caso ha voluto che proprio a chicago a cui stavano per tagliare i viveri e chiudere i rubinetti saltasse fuori questa strana particella (non si sa cos'è ma di certo non è il bosone........)
    anvedi la vita, avvolte.......... 😀

  11. My_May
    Pubblicato il 9 aprile 2011 alle 07:40 | Permalink

    @maria
    Pensare a male si fa peccato ma spesso ci si azzecca

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii