Mi piacciono i grafici

(fonte: I love charts)

Questo inserimento è stato pubblicato in Scienza e dintorni, Geeking & Hacking e il tag , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

6 Commenti

  1. Pubblicato il 1 novembre 2010 alle 06:45 | Permalink

    Bello, anche se andrebbe precisato che è il tempo per le cose da fare. Dovrei dirlo meglio ma non ho0 tempo 😉

  2. GIGI
    Pubblicato il 1 novembre 2010 alle 15:28 | Permalink

    Simpatico e drammaticamente vero. Sarebbe bello poter fermare il tempo, passare in un'altra dimensione a fare quello che ci preme e poi tornare allo stop e ricominciare. C'è un però. Un altro grafico fatto così: un cerchio grande come l'universo e dentro un puntino (la misura è a scelta, secondo il vostro ego). Il cerchio sono le cose da sapere, il puntino siamo noi. 🙁

  3. Andrea
    Pubblicato il 2 novembre 2010 alle 16:25 | Permalink

    @GIGI: io la vedo più in termini di meccanica Newtoniana... Il tempo è un attrito costante: si oppone a tutto (movimenti intellettuali, emotivi, al pensiero delle cose da fare, ...) ma è l'unica cosa che ci permette di camminare (di andare avanti).

  4. Pubblicato il 4 novembre 2010 alle 15:09 | Permalink

    non ci sono gli errori... 😀

  5. Francesco
    Pubblicato il 9 novembre 2010 alle 17:33 | Permalink

    Aspettiamo tempi migliori .................abbiamo pazienza. Buon Lavoro

  6. Cosimo
    Pubblicato il 10 novembre 2010 alle 00:05 | Permalink

    dai anche se hai poco tempo un po' di retroscena sugli ioni di piombo ce li puoi dare?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii