Come diavolo si fa quel simbolo in LaTeX?

Con LHC che scalpita per iniziare a funzionare, da queste parti ferve tutto un lavorio operoso per finire tutti i lavori iniziati e liberarsi per analizzare i dati nuovi. Il che significa che una buona fetta di noi passa giorni (e notti) a correggere articoli, rifare grafici, e scrivere, scrivere, scrivere. Per capirci, il sottoscritto ha 5 articoli - tra paper e note interne di ATLAS - da finire, erm, diciamo entro la fine dell'anno.

Un mucchio di articoli da scrivere e rivedere vuol dire per un fisico un sacco di sano esercizio di LaTeX. A questo proposito, di recente sono capitato su un sito geniale, senza il quale non riesco più a vivere (Avviso al lettore: se non hai idea di cosa sia LaTeX, puoi anche smettere di leggere qui).

Detexify_screeshotAvete presente quando state scrivendo una formula o un'espressione matematica, e proprio non vi viene in mente quale comando, e soprattutto quale pacchetto, definisce il simbolo che vorreste usare? A me capita sempre, per dire, con la lettera greca \Xi, sia in versione maiuscola o minuscola. Beh, i giorni passati a scartabellare il buon vecchio The Comprehensive LaTeX Symbol List sono finiti. Detexify permette di disegnare con il mouse una versione raffazzonata del simbolo in questione, e vi propone le associazioni più promettenti, tra l'altro usando la vostra scelta per allenarsi per il giro successivo. Che dire? Semplicemente geniale. Il sistema è stato sviluppato come tesi di laurea da un studente tedesco. Spero proprio che resti online.

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica, Scienza e dintorni, Geeking & Hacking e il tag , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

8 Commenti

  1. Pubblicato il 27 ottobre 2009 alle 13:41 | Permalink

    Fantastico! Incredibilmente meraviglioso!

    E ti assicuro che per un matematico è ancora più utile che per un fisico...

  2. Luca
    Pubblicato il 27 ottobre 2009 alle 17:40 | Permalink

    Bellissimo, hanno avuto davvero una bellissima idea.

  3. Xisy
    Pubblicato il 29 ottobre 2009 alle 00:58 | Permalink

    grandioso!
    per un matematico è decisamente più utile. per un fisico delle particelle, oltre all'utilità, c'è la curiosità sull'algoritmo di pattern recognition implementato!!!

  4. Xisy
    Pubblicato il 29 ottobre 2009 alle 16:39 | Permalink

    Ahh, ho appena scoperto che su Maple -software matematico di manipolazione algebrica- questa applicazione esisteva già da un pezzo..

  5. Micky
    Pubblicato il 1 novembre 2009 alle 14:57 | Permalink

    Santo quel tesista tedesco!

  6. Manu
    Pubblicato il 9 novembre 2009 alle 22:25 | Permalink

    Geniale! Se l'avessi avuto all'epoca della tesi...

  7. Giulia
    Pubblicato il 27 settembre 2013 alle 11:01 | Permalink

    Magnifico *.*

  8. Pubblicato il 28 maggio 2015 alle 14:47 | Permalink

    Grazie mille! Molto utile per la scrittura della mia tesi di laurea.
    Buon lavoro.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii