Come una pizza alla Meyrinoise

Sto seriamente accarezzando l'idea di prendere la tessera del PD. Quasi esclusivamente per il gusto di andare a votare per il segretario, e votare Ignazio Marino, alla faccia di quelle cariatidi di Franceschini e Bersani. Quanto potrà costare, come una pizza alla Meyrinoise?

P.S. Più seriamente, la candidature di Marino quasi quasi non mi dispiace affatto. Né il possibile ticket con Civati. E, come qualcuno faceva notare, lo schieramento di Rutelli mi ha levato qualunque dubbio su Franceschini, pover'uomo. Peccato, forse, per la sponsorizzazione di Bettini; dell'apparato di partito proprio non si può fare a meno?

P.P.S. Tessereranno anche online? Ci sarà una sezione per espatriati a Ginevra? Mah.

Update: potenza della rete, ho trovato qualche nominativo dei responsabili del PD svizzero. Questa idea da semplicemente accarezzata inizia ad assumere parvenze di concretezza. Ullallalà, come direbbero da queste parti.

Questo inserimento è stato pubblicato in Militanza e il tag , , , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

8 Commenti

  1. tomate
    Pubblicato il 6 luglio 2009 alle 23:34 | Permalink

    non credo che sia necessaria la tessera per votare alle primarie
    almeno le altrevolte bastava una dichiarazione di affinità d'intenti
    o parli del congresso?

  2. Pubblicato il 7 luglio 2009 alle 08:47 | Permalink

    ma sopratutto: a me piace Bersani!

  3. Pubblicato il 7 luglio 2009 alle 09:16 | Permalink

    @Tomate: parlo del congresso e dell'elezione del segretario, per la quale occorre essere tesserati. Per le primarie, almeno nel passato, in effetti bastava presentarsi (e magari lasciare un obolo).

    @Stefano: Bersani, Bersani, che dire? Piaceva anche a me, ma la gente che oggi sta dietro alla sua candidatura non mi piace mica tanto (manco a dirlo, sono proprio quelli che dieci anni fa, quando era ministro, lo contestavano per le sue politiche troppo liberali).

  4. Pubblicato il 7 luglio 2009 alle 12:46 | Permalink

    Hey Marco....
    sto messo uguale...

    sai che ti dico... Che se non lo facciamo ora, che sembra il momento buono e che c'è una buona possibilità forse lo rimpiangeremo.

    E allora sai cosa, Io prendo la tessera del pd, mi iscrivo a ricercatori democratici, e sto giro ci provo seriamente a cambiare l'italia invece che dirlo e basta.

    Ed inizio dal PD.

  5. Pubblicato il 7 luglio 2009 alle 14:51 | Permalink

    Michele, ho la stessa identica sensazione (e avevo pure pensato a ricercatori democratici), mi fa piacere di non essere il solo. Vediamo come va (per adesso sto cercando di capire come tesserarmi da qui), ma non da soli spettatori.

  6. Pubblicato il 7 luglio 2009 alle 16:46 | Permalink

    Ciao marco,
    per informazioni su tessere all'estero e per dare una mano alla campagna di Marino all'estero chiedi a me.
    Trovi la mia mail qui (l'ho messa anche sul blog de iMille in ogni caso)
    http://www.lambe.univ-evry.fr/rspezia

  7. Pubblicato il 7 luglio 2009 alle 18:32 | Permalink

    @Riccardo: grazie per l'intervento e la disponibilità, ti ho scritto privatamente.

  8. Pubblicato il 8 luglio 2009 alle 15:15 | Permalink

    Ciao a tutti. Ovviamente ricercatori democratici non fa le tessere per il PD, quelle vanno fatte tramite i circoli. Ma se potete diffondete l'idea fra i ricercatori perche' serve comunque a creare gruppo intorno a Marino che, a differenza di Franceschini e Bersani, non ha radici DS o Margherite che lo sostengano....

Un Trackback

  • Di Nel caso vi foste distratti | il 12 luglio 2016 alle 16:57

    […] il sottoscritto nelle ultime settimane ha messo nel cassetto una certa pigrizia atavica, ha fatto un piccolo investimento per la tessera del PD, e si è messo a sostenere la candidatura di Ignazio Marino. Nel caso vi […]

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii