Niente di meglio per iniziare la settimana

Dear Dr. Delmastro,

I am pleased to confirm that your paper "Quality factor analysis and optimization of digital filtering signal reconstruction for liquid ionization calorimeters" has been accepted for publication in Nuclear Inst. and Methods in Physics Research, A. It will appear on ScienceDirect in its accepted form within the next five days, and can then be cited by DOI. Thank you for submitting your manuscript to our journal.

With kind regards, Robert Klanner
Editor, Nuclear Inst. and Methods in Physics Research, A

Ah, uno di meno!

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica, Scienza e dintorni e il tag , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

6 Commenti

  1. Giovanni
    Pubblicato il 8 dicembre 2008 alle 12:27 | Permalink

    Mi piace molto la vignetta!
    Fa capire molto bene quali sono le tappe obbligatorie a cui non ci si può sottrarre.

  2. Pubblicato il 8 dicembre 2008 alle 12:51 | Permalink

    Onestamente, questo articolo è stata un'esperienza edificante. Al primo giro di commenti volevo spararmi e buttare tutto nella spazzatura, perché il tono era a tratti persino cattivello. Epperò su molte cose il relatore (ignoto, perché sono anomini) aveva ragione, e alla fine mi sono rimesso a lavorare per capire se quello che non andava poteva essere migliorato. Nuove simulazioni, nuova analisi, nuove idee. In effetti c'era spazio di miglioramento, e ne è saltato fuori persino un paragrafo aggiuntivo con altri risultati. Poi c'era la storia dell'inglese, ma quelli sono dettagli estetici. La morale è: le critiche sono utili per migliorare il risultato, e il peer reviewing rimane ancora il miglior sistema per valutare la ricerca.

  3. Giancarlo
    Pubblicato il 10 dicembre 2008 alle 16:24 | Permalink

    complimenti per la pubblicazione dell'articolo. Ho scoperto da poco il tuo blog ma ci trovo spunti molto interessanti (insegno matematica e fisica in un liceo sociosicopedagogico). Lo consiglierò anche alle mie studentesse così possono capire che i fisici non sono esseri di un altro mondo (loro sono convinte che io sia un tipo strano e probabilmente hanno ragione).

  4. Pubblicato il 10 dicembre 2008 alle 16:31 | Permalink

    Ciao Giancarlo, benvenuto. Sono curioso: quanta e quale matematica e fisica riesci a insegnare in un liceo sociopsicopedagogico?

  5. Pubblicato il 11 dicembre 2008 alle 14:24 | Permalink

    acc... e io che ho appena disdetto l'abbonamento! 😉

  6. Pubblicato il 11 dicembre 2008 alle 15:42 | Permalink

    Eh eh, allora risparmi quei 19655 euretti che costa l'abbonamento annuale a NIM A+B 🙂

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii