Distrazioni

Un articolo quasi accettato da NIM, per il quale però "the English text would still benefit from further work" (dove cappero si sono nascosti i colleghi madrelingua?). Una nota di ATLAS in dirittura d'arrivo, con soltanto una manciata (grossina) di correzioni e commenti da integrare. Un altro articolo per NIM, questo ancora piuttosto in alto mare, che si trascina da mesi mentre il sottoscritto insegue gli autori per ottenere gli ultimi frammenti di testo ed i plot aggiornati. E ieri mi è arrivato il computer nuovo. Come cavolo faccio a concentrarmi?

(la vignetta viene da qui, via Academic Productivity)

Questo inserimento è stato pubblicato in Scienza e dintorni, Geeking & Hacking. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

18 Commenti

  1. Pubblicato il 20 novembre 2008 alle 15:56 | Permalink

    eh eh il MacBookPro strega vero? io però o deciso di aspettare Natale per comprarlo... dacci le tue imprensioni 😉

  2. Pubblicato il 20 novembre 2008 alle 16:07 | Permalink

    Eh, non lo nascondo, mi sto chiedendo da due giorni perché non me lo sono comprato prima 🙂

    Ci ho messo meno di un'oretta a renderlo operativo (Emacs, Root, AFS, Latex, insomma quelle cosette che servono a un fisico per lavorare, più un paio di altre cosette - Firefox, Thunderbird, VLC, ...), tutto il resto va al volo. Sto scoprendo le meraviglie della ricerca integrata e dell'anteprima dei file (ah! Riesco a ritrovare gli articoli e le presentazioni in un attimo, tra l'infinita marea di ppt e pdf). Se devo fare delle cose "dure", è semplicemente un *NIX box come tutti quelli su cui lavoro da anni: per esempio, ho appena compilato e installato le CLHEP (e ri-scoperto l'esistenza della variabile DYLD_LIBRARY_PATH: era dal 1998 che non toccavo un sistema BSD). Ora mi butto sulle GSL, sforzandomi di non giocherellare troppo con Lightroom 2 (che con 4 Gb di RAM finalmente... gira!). O con il trackpad senza tasti, che probabilmente fa pure il caffè se lo massaggi nel modo giusto.

    Ah, e ovviamente... è bello! Temo che dovrò rinnovare il guardaroba per non sfigurare quando lo porto in giro 🙂

  3. Pubblicato il 20 novembre 2008 alle 16:49 | Permalink

    Alla fine lo hai preso, allora! 🙂
    Un pò ti invidio...

    P.S.: io ooodio VLC!

  4. Pubblicato il 20 novembre 2008 alle 17:17 | Permalink

    Si, alla fine l'ho preso. Odi VLC? E perché? Io normalmente uso mplayer, ma per certi codec se non vuoi perdere la giornata VLC è decisamente più efficiente (certo, non per scrivere degli script, ma questa è un'altra storia).

  5. Xisy
    Pubblicato il 20 novembre 2008 alle 19:09 | Permalink

    ....Insomma anche tu hai ceduto alla tentazione della mela (e ho paura che ci cadrò anch'io, prima o poi).

  6. Pubblicato il 20 novembre 2008 alle 20:28 | Permalink

    il problema è che se fa il caffè si macchia e poi tocca sprecare il dentifricio ( sisi, proprio il dentifricio) per ripulire tutto. Ma la sensazione è stupenda xD

  7. Pubblicato il 21 novembre 2008 alle 10:51 | Permalink

    VLC mi ha sempre dato rogne, mplayer invece ha sempre funzionato subito (sia su linux che in versione portable su Win) decodificando ogni tipo di file multimediale, così ormai uso solo mplayer.

  8. nemo
    Pubblicato il 21 novembre 2008 alle 10:52 | Permalink

    FIREFOX?!?! noooo...

    battute a parte, per un fisico un mac è il massimo...

    comunque ti capisco.. io sto lavorando a quattro articoli in contemporanea.. sono ormai in mezzo al delirio...

  9. Pubblicato il 21 novembre 2008 alle 11:02 | Permalink

    Ragazzi, probabilmente mi sono spiegato male 🙂 il Mac nuovo e` tutt'altro che una distrazione: funzionando tutto al primo colpo, c'e` ben poco tempo da perdere. Il problema e` la rete in se: la posta, i messaggi, il blog, Google Reader (l'ho detto da qualche parte che ho abbandonato Sage?). Devo fare uno sforzo e spegnere tutto...

    @Nemo: cos'hai contro Firefox? Safari e` bellino, per carita`, ma ci sono una serie di cose che proprio non apre. E senza certe estensioni di FF non vivrei mica piu`, sai? Se hai due computer, come fai a sopravvivere senza Foxmarks? E non hai idea dell'ordine tra i miei bookmark con Read It Later (ma di questo ho gia parlato)...

    @Dgali: per me e` stato un po' il percorso inverso. Ma, in ogni caso, alla fine li uso entrambi, a seconda dell'occasione (e dei terminali aperti).

  10. nemo
    Pubblicato il 21 novembre 2008 alle 12:04 | Permalink

    semplicemente ho sempre avuto brutte esperienze con mac e firefox.. gli unici kernel panic sono arrivati con quel browser... magari sono stato sfigato io... Foxmarks non l'ho mai provato.. rimedierò, grazie della dritta;-)

  11. Pubblicato il 21 novembre 2008 alle 12:43 | Permalink

    Io ho provato giusto ieri Iron (che è Chrome senza Google, quindi Webkit) e devo dire che mi ha piacevolmente impressionato per velocità e rendering (su una singola giornata di navigazione, non certo tutta la rete), però sono d'accordo con Marco che certe estensioni di Firefox sono esageratamente comode!
    Qtl su tutte! e migliora quasi ogni giorno.

    @Marco: sulle distrazioni ti capisco in pieno! Fortuna che qui non c'è mai molto da fare.

  12. Mat
    Pubblicato il 22 novembre 2008 alle 00:23 | Permalink

    ora capisco perché tutto sto tempo senza aggiornare "bivacco"... ;-))
    bravo switcher (così ora la famiglia è tutta allineata)!

  13. sergio
    Pubblicato il 22 novembre 2008 alle 23:44 | Permalink

    scusate ma cos'è che ha in più la volpe del browser ultimo nato microsoft ie8? mi sembra che sia piuttosto stabile e più protetto ie8 che altri browser come firefox che sia opera o altri,in più apre tutte le pagine possibili adesso ha pure le schede nuove estensioni etc etc

  14. Pubblicato il 23 novembre 2008 alle 10:57 | Permalink

    O_o Non andiamoci a infilare nel discorso IE vs tutti-tranne-sergio perchè altrimenti.... non ci voglio nemmeno pensare 😀 Semplicemente Ie non lo consideriamo a priori perchè esso per il mac:
    1-non viene supportato
    2-è francamente inutile
    3-safari e firefox sono più che sufficienti
    4-IE rulla poco 😀

  15. Pubblicato il 23 novembre 2008 alle 11:03 | Permalink

    ultima cosa xD
    5-un Hacker/Geek/nerd/ecc... possono acedere a IE con la facilità con cui una motosega taglia un budino appena uscito dal frigo
    6-Chi rinuncerebbe alle enstensioni di FF? Io no... ormai sopravvivo solo con quelle xD non rinuncerei mai a iMacros, DTA, Skipper e a molte altre 😀 Sui PC dei miei amici che usano IE mi perdo e mi viene facilmente mal di testa... Ergo FF rulla.

  16. Pubblicato il 23 novembre 2008 alle 15:18 | Permalink

    @Mat: Ebbene si, questa è probabilmente la ragione principale degli aggiornamenti rarefatti. Ma non l'unica: la rete e le sue meraviglie sono belle, ma c'è tutto un mondo là fuori che merita di essere esplorato con il computer spento (di qualunque marca sia, qualunque sia il browser che usa)!

  17. Xisy
    Pubblicato il 23 novembre 2008 alle 15:59 | Permalink

    Hey ma è fantastico sto Foxmarks (di cui ignoravo l'esistenza ma avvertivo la necessità) non so come ho fatto a farne a meno fino ad ora!

  18. Pubblicato il 15 dicembre 2008 alle 17:08 | Permalink

    Grazie per i consigli indiretti delle estensioni di firefox!
    E grazie Marco per il bellissimo pensiero:
    "la rete e le sue meraviglie sono belle, ma c’è tutto un mondo là fuori che merita di essere esplorato con il computer spento"

    E' il riassunto di quello che sto cercando di "inculcare" al mio duenne pargoletto!
    Oddio per ora non naviga, ma rimane incantato di fronte alla TV...

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii