Che cosa cerca la gente?

Ogni blogger che si rispetti, anche il più pigro, ogni tanto controlla le statistiche di accesso alle sue pagine. Anch'io non sono esente da questa piccola libidine. Chiamatela come volete: curiosità, strategia si ottimizzazione dell'offerta, vanità pura e semplice, diversione da pausa caffè. A rotazione casco in ognuna di queste motivazioni, più spesso nella pausa caffè.

Dunque, ecco i risultati degli ultimi tempi. Scopro non senza un certo piacere che più o meno la metà delle visite arrivano da link proposti da motori di ricerca. Dunque mica amici affezionati o la mamma. Qualcuno cerca qualcosa, Google gli propone una paginetta più o meno correlata su questo sito, e la persona, invece di passare oltre, vinta da irrestibile curiosità clicca e finisce quaggiù. Mah. Incredibile.

Le ricerche più gettonate che hanno portato viandanti da queste parti sono nell'ordine:

  • borborigmi. Ok, questo è il nome del blog, che però poco ha a che vedere con i veri borbottii delle interiora. Desolato, gente, niente gastroenterologia da queste parti. Ma perché vi ha punto vaghezza di venire a leggere? Sono curioso.
  • bosone di higgs, e una serie di altre più o meno correlate (solo bosone, oppure higgs, cos'è il bosone di higgs, e persino higgs 160 GeV o higgs john comway). Onestamente, ragazzi, queste sono lusinghiere. Grazie. Pare che il bosone di Higgs spiagato a Oliver sia piaciuto. Al che mi chiedo, visto che la vocazione divulgativa di queste pagine sembra essere apprezzata: che cosa vi interesserebbe spiegassi a Oliver nel prossimo futuro?
  • frasi sulla montagna. Questa non la capisco. E' vero, amo la montagna. E' vero, ci vado e ne parlo. Ma voi, che cosa cercate esattamente? Poesia? Aforismi? Mi sa che siete fuori strada. Un po' come quelli che cercano la parafrasi di se questo e un uomo di Levi. Figliuoli, non potete mica cercare i compiti fatti sulla rete, non vale!
  • scoutismo. Incredibile. Qualcuno che vuole sapere qualcosa sullo scoutismo finisce qui. Ahi ahi ahi, ci troverai poco o niente, e quel poco di solito sarà dissidente e fastidioso, temo.
  • stornelli d'esilio e iolanda pensa: il primo è una bel canto anarchico e anche il titolo blog della mia signora. La seconda un'amica milanese che si occupa d'arta e tiene una sorta di quaderno d'appunti. Sbagliato strada?

E non posso trascurare una menzione speciale per queste ricerche:

  • una serie non piccola di permutazioni di fare un bel fisico e fisico perfetto (giuro). Geniale! Qualche manzo alla ricerca di esercizi ginnici per scolpire il suo corpo finisce quaggiù. E a volte di ferma pure. Sono onorato. Sul serio.
Questo inserimento è stato pubblicato in Mezzi e messaggi, Geeking & Hacking. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

6 Commenti

  1. Pubblicato il 12 marzo 2007 alle 12:10 | Permalink

    Riporto alcune stringhe di ricerca prese dalle statisctiche di accesso al mio blog degli ultimi dieci giorni:

    - tutte le donne della mia vita
    - da dove provengono gli indiani
    - ermione granger
    - foto indiani
    - genere del libro Marcovaldo
    - i sentimenti da dove provengono
    - siti italiani sul pugilato che consigliano schede allenamento

    Giuro, quest'ultima era così, tutta intera e lunga come la riporto. E dulcis in fundo, ieri qualcuno è capitato sul mio blog cercando:

    - agricoltura albicocco

    Temo sarà rimasto deluso 🙂

    Ciao.

  2. Pubblicato il 12 marzo 2007 alle 12:38 | Permalink

    Beh, io ho citato solo le più diffuse, se andiamo sulle ricerche singole c'è veramente da ridere... Che dici di queste?

    - esempio di funzionamento di acquedotto
    - arrampicare uomo ragno
    - foto delle suite più lussuose
    - far morire il nervo ottico

    Ma la mia preferita di Marzo rimane 🙂

    - ordinare bistecca francese

    La gente è strana...

  3. amelia
    Pubblicato il 12 marzo 2007 alle 16:16 | Permalink

    "che cosa vi interesserebbe spiegassi a Oliver nel prossimo futuro?"

    Oliver non se lo sa proprio spiegare! E' da tempo che si chiede come mai molte persone, e la cosa che maggiormente lo turba è che siano per lo più persone dedite alla scienza, continuano a sostenere l'energia nucleare. Oliver, è un cane modesto, sa di essere solo un cane, e quindi ammette la possibilità che gli stia sfuggendo qualcosa.. Quando ne parla con i suoi amici "scientifici" si sente rispondere che ormai è ridicolo sentirsi soffocati dal terrore simil Cernobyl, che ormai la sicurezza delle centrali è ottima. Ma poi quando si parla di scorie.. il silenzio cala. Oliver si sgrulla, si da una grattatina alle sue due pulci e torna a sognare un filetto di carnina tenera tenera nella sua ciotola.. ma ancora una cosa se la chiede: e se un bel giorno mi trovassi un bouquet di scorie radiattive nella mia cuccia potrei ancora sognare?

  4. Pubblicato il 12 marzo 2007 alle 16:43 | Permalink

    Ciao Amelia, benvenuta.

    Intanto chiariamoci, Oliver non è affatto un cane modesto, anzi sotto sotto credo sia convinto di essere un uomo, o perlomeno di non essere diverso da noi, altrimenti non mi spiegherei la sua tendenza a voler prendere il mio posto vuoi sulle potrone, vuoi nel letto. Anche se in effeti si sgrulla e si gratta, e (in genere) non ha pulci.

    Gli piace non poco dormire al caldo, al sole sul balcone ma anche vicino al calorifero. Per cui le domande che si fa di solito sono più del tipo: "da dove viene l'energia che scalda la mia cuccia? E' sana? RInnovabile? Che impatto ambientale ha? Che effetti a lungo termine? MI serve tutta quanta o posso usarne di meno/meglio/in modo più efficiente?" e così via. Se un giorno si trovasse un barattolo di plutonio nella cuccia ovviamente non gli rimarrebbe ancora molto tempo per sognare, è chiaro, e siccome lui ne è ben consapevole tendenziamente non si pone la domanda in questi termini.

    Ovvero, per dirla più esplicitamente: vogliamo parlare di energia e (anche) di nucleare? Bene. Se però iniziamo una discussione con una domanda che domanda non è ("il nucleare è cattivo e ci si muore, volete veramente morire?") non iniziamo nemmeno. Desolato. L'argomento è grosso e complesso per liquidarlo con un si o con un no e basta.

  5. amelia
    Pubblicato il 20 marzo 2007 alle 17:10 | Permalink

    O no! Non era mia intenzione liquidare l'argomento con un si o con un no! Veramente.. sigh..

  6. Pubblicato il 22 marzo 2007 alle 13:53 | Permalink

    Ciao Amelia, felice di risentirti. Nonostante non abbia le idee chiarissime sulle questioni energetiche e sulle tecnologie da scegliere per il futuro, ma prima o poi cercherò di scrivere qualcosa a proposito. A presto, dunque.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii