I parametri del Modello Standard. La serie ricomincia

Ho deciso di riprendere in mano la serie sui parametri del Modello Standard. Ve la ricordate? Quella con la quale...

(...) pensavo di passare in rassegna i parametri del Modello Standard, discutendo quali siano le conseguenze del valore che questi parametri assumono, e provando anche a immaginare come sarebbe un universo in cui alcuni di questi parametri assumessero un valore diverso.

Sto scrivendo le prossime puntate, la quarta dovrebbe arrivare tra qualche giorno. Nell'attesa potrebbe valere la pena di rinfrescarsi la memoria con le prime tre puntate:

... e in particolare con la seconda. È proprio da quella che partiremo, provando a capire che cosa succederebbe se alcune delle 18 (o 26, se contiamo le masse dei neutrini) costanti (ma sono poi veramente costanti? Parleremo anche di questo, a un certo punto) avessero un valore diverso da quello che osserviamo, e che inseriamo "a mano" nelle equazioni della teoria, proprio perché la teoria, lei, da sola non li predice. A tra pochissimo!

Source: Wikipedia

Source: Wikipedia

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica e il tag . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

8 Commenti

  1. ste
    Pubblicato il 1 ottobre 2016 alle 21:55 | Permalink

    yessssss !!!!
    poi me le stampo tutte 🙂

  2. Pubblicato il 2 ottobre 2016 alle 08:21 | Permalink

    @Ste: allora, ovviamente vediamo come va, se arrivo veramente alla fine e se piace come altre serie precedenti, ma farne un piccolo ebook potrebbe far parte del programma...

  3. cloc3
    Pubblicato il 2 ottobre 2016 alle 11:40 | Permalink

    speriamo che ci sia anche un capitolo dedicato alle simmetrie.

    intanto provo a proporre una domanda:
    se il problema della complessità è associato al numero delle costanti, in che modo si potrebbe semplificare la teoria cambiando il loro valore?

  4. Pubblicato il 2 ottobre 2016 alle 13:22 | Permalink

    @cloc3: delle simmetrie sarebbe bello parlare, ma l'argomento richiederebbe una serie sulla struttura del Modello Standard, che è un'altra cosa rispetto a quello che ho in mente. Il cambiamento dei valori dei parametri, invece, è proprio quello che userò per mostrare quanto sia facile mandare in vacca tutto riducendo "a mano" la complessità della teoria.

  5. Pubblicato il 2 ottobre 2016 alle 13:23 | Permalink

    P.S. Domani conto di pubblicare la quarta puntata, e spero di mantenere il ritmo di una a settimana fino alla fine (vedremo).

  6. My_May
    Pubblicato il 2 ottobre 2016 alle 16:24 | Permalink

    Ok ottimo seguo con interesse. Dovrò rinfrescarmi la memoria e rileggere tutto il precedente (e ci vorrà tempo). Quello dei parametri liberi (di una teoria) infatti mi è sempre rimasta oscura, anzi oscurissima, grazie!

  7. My_May
    Pubblicato il 2 ottobre 2016 alle 16:56 | Permalink

    Dopo una rapida lettura ho gia una domanda. I parametri sulla massa me li ricordavo di averli gia letti. Piu o meno quasi tutte quelle che hai scritto (negli altri articoli) compreso quello di struttura fine; però io pensavo (ed devo ritenere che sbagliavo) che l'h tagliato(costante di planck) fosse anch'esso un parametro del modello standard ma non l'ho trovato all'interno dell'elenco (ammesso che non mi sia sfuggito). Quindi quello non è un "parametro"? Forse c'è differenza fra un parametro ed una costante, ma anche G dovrebbe essere una costante ma lo hai menzionato tra i parametri, quindi non dovrebbe esserci differenza.

  8. Pubblicato il 3 ottobre 2016 alle 06:58 | Permalink

    Dentro la costante di struttura fine ci sono la carica dell'elettrone, la costante di Planck e la velocità della luce, dunque, se vuoi, condensa in un solo numero la summa di che cos'è elettromagnetismo quantistico. Trovi la definizione sulla pagina di Wikipedia. La costante di gravitazione universale non c'è perché il Modello Standard non incorpora la gravità, cosa che è una delle sue più grandi carenze. Ci arriveremo.

    Quanto alla differenza tra "costante" e "parametro", è veramente una questione semantica: in questi articoli utilizzo i due termini in modo interscambiabile.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii