It's all about the Higgs!

Ogni due anni, nel paesino che precede Chamonix nella valle francese sulla quale torreggia la catena del Monte Bianco, si tiene un incontro tra fisici teorici e sperimentali dal formato particolare. Per quasi tre settimane, in due sessioni di 10 giorni l'una, i partecipanti al Workshop di Les Houches, discutono, calcolano, simulano, producono grafici e cifre, e provano a immaginare come fare avanzare la fisica delle particelle delle alte energie.

Non è una vera e propria conferenza: se si escludono le presentazioni introduttive del primo giorno, nel resto del periodo si lavora per davvero. Per un fisico sperimentale è un'esperienza particolarmente interessante: la maggior parte dei partecipanti sono infatti teorici, e confrontarsi in diretta con i colleghi "calcolatori" è molto arricchente.

Il workshop non si tiene in un albergo tradizionale, ma in una struttura diffusa di proprietà dell'Università di Grenoble, formata da una decina di chalet in mezzo al bosco con una decina di stanze ognuno, e da un edificio centrale con sale riunioni e una biblioteca. Per molti versi, sembra di essere in colonia, o, come faceva notare un collega americano del MIT, sembra di essere tornati ai tempi dell'università.

Per partecipare è necessario proporre la propria candidatura e passare una selezione: i posti sono limitati, ed essere in pochi, non è solo una necessità logistica, ma anche un prerequisito importante per il buon funzionamento del workshop. In altre parole permette  quello che chiamiamo "lo spirito di Les Houches". Io ho la fortuna di far parte del comitato di organizzazione, il che mi garantisce un posto privilegiato!

Nelle pause, la vista mozzafiato dallo spiazzo dell'edificio centrale, quello dove si trova l'auditorium e le sale riunione, è questa:

LH2015_panorama_1.800px

che diventa così al tramonto:

LH2015_panorama_2.800px

Molto tardi alla sera, finite le discussioni e i conti, ci si riunisce nel baretto del ristorante, per giocare a ping-pong, a calcetto, o per suonare e cantare. Può succedere  così che, l'ultima sera della prima sessione dedicata al Modello Standard e al bosone di Higgs, si componga una canzone da lasciare come sfida ai partecipanti della seconda sessione, dedicata ai modelli di fisica al di là del Modello Standard. La qualità è quella che è, ma è stata una composizione quasi in diretta: "it's all about the Higgs!" 🙂

Because you know it's all about that Higgs,
'Bout that Higgs, no SUSY
It's all about that Higgs, 'bout that Higgs, no SUSY
It's all about that Higgs, 'bout that Higgs, no SUSY
It's all about that Higgs, 'bout that Higgs
Higgs Higgs Higgs

Yeah it's pretty clear, there ain't no BSM
But we can fake it, fake it and we can give it them
I got that boson ' that all the theorists chase
Got all the right bumps in all the right places
I see the theorists working ' on that EFT
We know that shit ain't real
So don't you give it me
If you got beauty beauty just raise 'em up
'Cause every inch of you is perfect
From the bottom to the top

Yeah, my momma she told me you gotta cut on pt
Cause elsewise you'll see things detectors just cannot see
There won't be no supersymmetric discovery
cause if that's what you're into
you'll be swamped by QCD

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica e il tag , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

12 Commenti

  1. beppe
    Pubblicato il 13 giugno 2015 alle 08:11 | Permalink

    Atmosfera Big Bang Theory...

  2. Pubblicato il 13 giugno 2015 alle 08:50 | Permalink

    ... con circa la stessa percentuale di donne 😉

  3. Michelangelo Serra
    Pubblicato il 13 giugno 2015 alle 11:03 | Permalink

    Compratevi un Kazoo! 😀

  4. Pubblicato il 13 giugno 2015 alle 12:21 | Permalink

    Troppo forti! Per alcune cose le donne non servono 😉

  5. Pubblicato il 13 giugno 2015 alle 14:38 | Permalink

    @reilloaded: non potrei essere più contrario! (E non pensi di essere un po' sessista?)

  6. oriella
    Pubblicato il 14 giugno 2015 alle 08:29 | Permalink

    Tu quale sei?

  7. Pubblicato il 14 giugno 2015 alle 09:13 | Permalink

    Indovina, indovina! (Suggerimento: indossavo una maglietta rossa)

  8. Zorapide
    Pubblicato il 15 giugno 2015 alle 07:45 | Permalink

    Accordi?
    O c'è il copyright!?

  9. Pubblicato il 15 giugno 2015 alle 07:52 | Permalink

    Il pezzo è uno spoof di questo:

    (un giretto semplice semplice su LA/SI-/MI)

  10. Nicola
    Pubblicato il 15 giugno 2015 alle 21:53 | Permalink

    Ahahah splendidamente nerd

  11. Pubblicato il 16 giugno 2015 alle 09:27 | Permalink

    Qui da me si studia per la maturità con It's all about that Higgs in sottofondo e con la testa da un'altra parte: https://teoriadelniente.wordpress.com/2015/06/15/maturita-davvero/

    Buon lavoro Marco!

  12. ClaudioE
    Pubblicato il 10 luglio 2015 alle 15:13 | Permalink

    immagina se i primi risultati delle collisioni a 13 TeV rilevassero proprio delle sparticelle :D, "it's all About the SUSY, 'bout the SUSY, oh mother"

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii