Cosa vi avevo detto?

E prima della fine della settimana potremmo recuperare un'altro femtotbarn inverso (vi lascio immaginare i ritmi per ripulire, calibrare, processare e analizzare prima che inizi ICHEP 😯 ).

Questo inserimento è stato pubblicato in Fisica e il tag , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

9 Commenti

  1. Daniele S.
    Pubblicato il 12 giugno 2012 alle 19:08 | Permalink

    Fantaaaastico! L'impressione è che ormai siam lì lì per avere una risposta (sia in un senso che nell'altro). Attendiamo fiduciosi! (poi magari, semmai avrai tempo, mi piacerebbe leggere un approfondimento della spiegazione che facesti tempo fa al simpatico Oliver riguardo l'Higgs),
    un abbraccio - dan

  2. delo
    Pubblicato il 12 giugno 2012 alle 21:48 | Permalink

    Daniele, purtroppo non tutte le risposte che ci possiamo aspettare saranno essere definitive;
    (sottolineo che parlo senza sapere i risultati, anche perche' per ATLAS, la "scatola non e' ancora stata aperta" in tutte le analisi sensibili in quel range di massa). Semplificando:
    Se effettivamente i segnali presentati a dicembre vengono confermati (stessa "intensita'" e stessa posizione) molto probabilmente si potra' dire qualcosa di certo sull'esistenza del bosone di higgs, per come lo predice il modello standard. Se invece non c'e' la conferma del segnale, temo che ci vorra' molto tempo
    (e molti dati) per escluderne l'esistenza nella regione di massa in cui si e' osservato un eccesso nei dati 2011.
    Se il segnale c'e' ma e' piu' debole di quanto ci si aspetti... be', saranno mesi duri per capire cosa si sta osservando.

    delo

  3. Daniele S.
    Pubblicato il 13 giugno 2012 alle 00:24 | Permalink

    Un tempo dell'ordine dei mesi non mi sembra eccessivo quando si parla di cose così importanti... da qualche parte si parlava di fine anno, mi sembra che valga la pena attendere e soprattutto che l'emozione sia più che giustificata.

  4. Vince
    Pubblicato il 13 giugno 2012 alle 23:58 | Permalink

    Grande risultato davvero!
    La massa di dati raccolti è enorme; nell'analisi dei risultati date priorità a determinate collisioni, posticipando lo studio di eventi meno interessanti? O magari ci sono scale di priorità differenti per diversi gruppi di lavoro? (non credo che tutti quanti stiano cercando il bosone di Higgs).

    p.s. sul mio Mac 'bosone' viene segnalato come errore ortografico; tu usi un dizionario aggiornato o lo trovi fastidioso come lo trovo io? 😀

  5. Pubblicato il 14 giugno 2012 alle 10:08 | Permalink

    @Vince: ovviamente l'Higgs è la priorità principale, e focalizza la frazione principale dell'attenzione. Ma "Higgs" naturalmente vuol dire molte cose. Quanto a "bosone", i miei dizionari sono stati aggiornati (come per "adronico" o "superluminale" :-))

  6. My_May
    Pubblicato il 14 giugno 2012 alle 15:59 | Permalink

    Ogni volta che leggo Higgs mi ricordo del vecchio "puzzone". E questa è la mia nuova versione:
    Un giorno qualcuno si mise alla ricerca di un vecchio ubriacone del quale aveva ipotizzato l'esistenza. Siccome però teoricamente non fu possibile predire quanto fosse ubriaco, si mise alla ricerca di bottiglie di birra. Un giorno egli si fermo davanti ad una discarica di bottiglie di birra ed esclamò: ho trovato il vecchio ubriacone! 😀
    p.s.
    Peccato per il neutrino, ci avevo sperato, ma non vedo bene nemmeno la ricerca del vecchio ubriacone... se fatta in quel modo. Ovvero predico per il puzzone la stessa fine del superluminale neutrino 🙂

  7. Daniele S.
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 18:40 | Permalink

    @Delo, hai visto che la mia emozione era più che giustificata? tiè! (scusa Marco, ma questo sassolino proprio me lo dovevo togliere!)

  8. delo
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 19:25 | Permalink

    @Daniele S
    guarda, togliti pure i sassolini.
    Io i risultati (di ATLAS) li conoscevo da quando sono stati un-blinded quindi, sapevo bene a cosa si stava mirando. Mancava solo la conferma (ufficiale) di cosa CMS aveva.
    Detto questo rimane sempre da capire cosa si sta osservando. Se con l'aggiunta di piu' dati
    la "forza" di questo segnale e' consistente con il MS i vari accopiamenti con le altre particelle e' corretta siamo tutti contenti, altrimenti saranno tempi ancora piu' interessanti.

    delo

    delo

  9. Daniele S.
    Pubblicato il 5 luglio 2012 alle 18:18 | Permalink

    Eheh!, a giudicare dalle immagini del seminario mi sembrava che si fosse tutti contenti già così (in particolare le lacrime di Higgs sono molto eloquenti)...
    E' anche ovvio che c'è ancora molto da studiare (altrimenti che si fa, si chiude l'acceleratore?)
    Daniele

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii