Il tempo per leggere

Il tempo per leggere è sempre tempo rubato. (Come il tempo per scrivere, d’altronde, o il tempo per amare.) Rubato a cosa? Diciamo, al dovere di vivere. È forse questa la ragione per cui la metropolitana - assennato simbolo del suddetto dovere - finisce per essere la più grande biblioteca del mondo.

Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere. Se dovessimo considerare l’amore tenendo conto dei nostri impegni, chi ci si arrischierebbe? Chi ha tempo di essere innamorato? Eppure, si è mai visto un innamorato non avere tempo per amare?

Non ho mai avuto tempo di leggere, eppure nulla, mai, ha potuto impedirmi di finire un romanzo che mi piaceva. La lettura non ha niente a che fare con l’organizzazione del tempo sociale. La lettura è, come l’amore, un modo di essere.

(in "Come un romanzo" di Daniel Pennac. Grazie a Giovanni per avermelo rimesso nell'orecchio)

Questo inserimento è stato pubblicato in Letture e riflessioni. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

6 Commenti

  1. Pubblicato il 31 dicembre 2010 alle 15:02 | Permalink

    Amen 🙂

  2. GIGI
    Pubblicato il 31 dicembre 2010 alle 18:08 | Permalink

    Buon anno, Marco!
    Temo che le vacanze torinesi non ti facciano bene.
    Allegria! come diceva quel gran filosofo di Mike Bongiorno.
    D'altronde tutto il nostro tempo è rubato; a che cosa? Questo è il problema!
    Divertiti e riposati.

  3. luca
    Pubblicato il 31 dicembre 2010 alle 18:48 | Permalink

    Buon anno Marco ...tanti complimenti come sempre per il fantastico blog...e in bocca al lupo per il lavoro

    luca

  4. luigi
    Pubblicato il 1 gennaio 2011 alle 18:41 | Permalink

    buon anno Marco;
    tanti auguri di salute e serenita' a te e alla tua famiglia.
    luigi

  5. angela
    Pubblicato il 4 gennaio 2011 alle 22:33 | Permalink

    un buon 2011 a te e famiglia

  6. Pubblicato il 6 gennaio 2011 alle 14:44 | Permalink

    Ciao Marco, scrivo ancora qui per annunciarti che ti è stato assegnato un "premio virtuale" chiamato Sunshine Award. E' un modo per dare più visibilità ai blog amici, se vuoi saperne di più:

    http://leggiamoilgiornale.blogspot.com/2011/01/sunshine-award-premio-2011.html

    Ciao!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii