Soldi ben spesi, nessun dubbio

Ci sono almeno due ragioni per cui la manodopera in Svizzera costa più che altrove in Europa. E per cui si tratta comunque di soldi ben spesi. Primo, perché quando lasci l'auto al garage per la revisione dei 40mila chilometri, e domandi timidamente all'impiegato svizzero a cui hai appena lasciato le chiavi dov'è la fermata del pullman che ti porterà al CERN - che a causa dei lavori per il tram Meyrin è tutto un casino e non ti orienti più, lui ti sorride e ti risponde: "ma l'accompagno io con la sua auto, che intanto faccio il giro di prova e verifico le prime cose". E ti porta fin sotto la porta dell'ufficio, sempre sorridendo amabilmente. Secondo, perché quando a fine giornata vai a riprendere la macchina lo stesso svizzerissimo tizio, dopo averti sciorinato le cosette di routine che ha fatto e per cui lo paghi, aggiunge serafico: "ah, e poi abbiamo anche pensato di lavare la macchina dentro e fuori, così è pronta per il weekend". Soldi ben spesi, nessun dubbio.

Questo inserimento è stato pubblicato in Vita di frontiera e il tag . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Chi sono

    Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • Archivio

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti