La giornata della lentezza, in ritardo

Apparentemente tre giorni fa, il 25 febbraio, era la Giornata della Lentezza. Come è probabilmente giusto che sia, io me ne sono accordo in ritardo! Che l'universo stia tentando di dirmi qualcosa? In ogni caso trovo che l'occasione si sposi bene con le mie velleità di ripensare il tempo e il suo uso. E quindi, per festeggiare l'occasione, eccovi qui un estratto dell'articolo di Michele Serra dell'11 febbraio scorso sull'argomento (ma prendetevi il tempo di leggerlo tutto):

Allo stesso modo del relativismo etico, il relativismo cronologico non merita di essere bollato come piaga post-moderna. Merita di essere vissuto e governato, per quanto riusciamo: è una condizione nuova, ancora semi-sconosciuta, produce le sue vittime, anche i suoi mostri, ma ci offre la vertiginosa opportunità di disporre nel nostro tempo. Ci carica, anche, di responsabilità maggiori: se facciamo scialo di questa libertà, se la viviamo da ingordi, e ingurgitiamo bulimicamente il tempo fino a scoppiarne, è solo colpa nostra. Dobbiamo imparare a regolare l´aspro, contraddittorio rapporto tra ambizione e serenità, tra bisogno di successo e bisogno di riposo.

e un simpatico video sull'iniziativa scovato grazie a Giornalismo d'altri:

Infine, consigli per la lettura:

A presto, ma non troppo in fretta...

Questo inserimento è stato pubblicato in Militanza, Letture e riflessioni. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii