Bozze di rinnovo grafico. Io e Oliver, a grandi linee


A tempo persissimo mi sono messo a trafficare sul rinnovo grafico di questo sito. Non so ancora bene quanto ci metterò, ma la cosa mi piace e diverte, e di questi tempi un po' di diversione è persino appropriata.

Tra le cose che mi piacerebbe avere nel nuovo template del blog - insieme a parecchio bianco e a parecchio spazio in più - ci sarebbero anche degli elementi grafici disegnati da me. Così stamattina ho buttato giù questa versione fumettosa di me e Oliver, che potrebbe finire per campeggiare da qualche parte di fianco alla testata. Passo successivo: scansionare per bene e tentare qualche colorazione con Photoshop. E vediamo che cosa ne viene fuori.

Questo inserimento è stato pubblicato in Mezzi e messaggi e il tag , , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

18 Commenti

  1. Pubblicato il 16 gennaio 2011 alle 22:50 | Permalink

    Dovresti comunque far scrivere Oliver un po' di più 😉

    Saluti,

    Mauro.

  2. GIGI
    Pubblicato il 16 gennaio 2011 alle 23:23 | Permalink

    Bravo Marco! I disegni mi piacciono, anche se vorrei vedervi più vispi (almeno Oliver). In ogni caso non c'è di meglio che perdere tempo con cose che ti divertono: se è tempo rubato, almeno che ci piaccia!

  3. fabiogeda
    Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 00:04 | Permalink

    Bello... Oliver. E il tratto pesante-fuori-sottile-dentro fa molto mister Bean.

  4. fabiogeda
    Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 00:05 | Permalink

  5. Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 09:13 | Permalink

    @Gigi: guarda che quello è proprio lo sguardo concentrato-confuso di Oliver quando sente o vede qualcosa di anomalo! 🙂

  6. Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 10:24 | Permalink

    E sei pure un bravo disegnatore. Ma io ti odio 😛 A parte gli scherzi, è molto bello, racchiude bene anche lo spirito del sito secondo me 🙂

  7. GIGI
    Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 11:29 | Permalink

    5) guarda che quello è proprio lo sguardo concentrato-confuso di Oliver quando sente o vede qualcosa di anomalo!

    Allora racconta ad Oliver che qui a Bologna hanno trovato "la strada dell'energia per l'umanità".
    Il prof. emerito di Fisica dell'Alma Mater Sergio Focardi con l'ingegner Andrea Rossi venerdì scorso, 14 gennaio 2011 (segnati la data), ha presentato in un capannone di una zona artigianale di Bologna un prototipo brevettato per produrre energia con la fusione fredda Ni-H, che rappresenta la conclusione pratica di studi iniziati nel 1994.
    La macchina ha prodotto 12.000 kilowattora consumandone solo 600, gli intervenuti hanno dovuto firmare una dichiarazione di accettazione di tutti i rischi derivanti dall'esperimento; ma ora verrà iniziata la produzione industriale e quindi la commercializzazione del marchingegno che costerà 2.000 € per kilowattora e con il consumo di 1 gr. di nichel.
    Non è stato proposta nessuna teoria scientifica per spiegare il funzionamento della wundermaschine (o hoellenmaschine ?) e nessuno può studiarla nè tantomeno aprirla perché è coperta da brevetto.
    Com'è l'espressione di Oliver? E la tua?
    Mi piacerebbe avere un tuo commento.
    P.S.
    Tutto quello che so sull'argomento deriva dalla lettura del Resto del Carlino di Bologna e poche cose su internet.

  8. Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 12:08 | Permalink

    La mia espressione è annoiata. Oliver sonnecchia.

    Sulla rete non c'è nulla di nemmeno vagamente serio, e per me un presunto professore di fisica che si autopubblica un paper su un blog pomposamente chiamato "Journal of Nuclear Science" da lui stesso messo in piedi (e pure male: oggi il sito non risponde) e gestito non è propriamente degno di credito.

    La storia della macchina che non si può esaminare perché protetta da brevetto è una bufale: se è protetta da brevetto dov'è il problema? Se gliela copiano fanno causa e vincono miliardi.

    Aspettiamo con ansia la centrale da 1 MW. Chissà dove pensano di costruirla. Che noia.

  9. GIGI
    Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 15:41 | Permalink

    Mannaggia! Ero convinto che Bulagna s(ci)arebbe diventata la capitale dell'energia... 😉

  10. Fabiano
    Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 20:39 | Permalink

    Bravo Marco, bellino il disegno! 🙂
    Ci starebbe da favola accanto al titolo del blog (scritto a mano anche quello, direi).

    Fa piacere sapere che pensi (lavori) al blog.

    Tienici aggiornati sugli sviluppi per il tuo futuro impiego, siamo tutti in fiduciosa attesa. 🙂

  11. emilio
    Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 21:43 | Permalink

    e bravo furbo ti sei disegnato + bello ..facile è.

    ciao a presto

  12. angela
    Pubblicato il 19 gennaio 2011 alle 17:26 | Permalink

    belli che siete

  13. Pubblicato il 19 gennaio 2011 alle 20:26 | Permalink

    Ma quanto siete carini!!! 😛
    No, davvero è venuto proprio bene mi piace, solo che trovo che ti sia fatto la testa un po' troppo a pera!
    Niente di sconcertante, tranquillo, in fondo sei molto più bravo di me. Ma che razza è il tuo cane? E' così tuffolo.... però non ci capisco niente in razze canine, quindi non so quanto potrai illuminarmi, forse dovrei fare conoscenza di qualche simpatica enciclopedia.... che ignorante...
    MA cosa intendi per più bianco!?

  14. Pubblicato il 20 gennaio 2011 alle 09:24 | Permalink

    Ma io ho la testa a pera 🙂

    Oliver è un salsiccio meticcio di padre incerto. La madre era un segugio (gavrino?).

    Più bianco nel senso di più spazio vuoto, e rimozione del colore laterale. Qualcosa ispirato a questo sito o a questo.

  15. Pubblicato il 20 gennaio 2011 alle 20:05 | Permalink

    Oooh... capisco.
    Bè, buona fortuna con il tuo futuro template allora!
    Ciao!

  16. emilio
    Pubblicato il 21 gennaio 2011 alle 13:05 | Permalink

    nerdist è molto carino ..mi piacerebbe che il tuo sito fosse come quello..

    salutissimi

  17. max
    Pubblicato il 21 gennaio 2011 alle 16:24 | Permalink

    Manca forse l'aspetto più frattalico del segugio,Avendone frequentato la sorella barbuta...un grafo-baffetto anche ad Oliver ci stava tutto... ma capisco le esigenze di un tratto pulito.

    Grande Marco come sempre!

  18. Pubblicato il 21 gennaio 2011 alle 16:55 | Permalink

    Max, non hai torto (anche sulle motivazioni), e infatti ogni tanto disegno Oliver ben meno lisco. Ma Bifa (che era la sorella di Oliver) era comunque ben più scarmigliata!

Un Trackback

  • Di Cambiare vestito | Borborigmi di un fisico renitente il 20 settembre 2016 alle 16:13

    […] una svecchiata al sito. A un certo punto ho iniziato a esplorare altre opzioni più moderne, ho disegnato un logo e chiesto ai lettori del sito di colorarlo, ho cercato qualche font originale per la testata, e ho […]

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii