Ginevra - La Thuile - Grand San Bernardo - Torino - Rorà - Ginevra (ovvero, come distruggersi in soli due giorni)

Le nostre discese in Italia sono sempre più deliranti.

Siccome cominciamo a essere stanchi e necessitiamo di vacanze, abbiamo una crescente tendenza a dimenticare cose e fare confusione. In più, non riusciamo mai a fare una sola cosa in un week-end, con conseguenze spesso nefaste.

Nello specifico, venerdì scorso siamo partiti da Ginevra e andati a dormire a La Thuile, per accorciare un po' lo spostamento. Irene era attesa sabato mattina alle 8:45 all'Ospizio del Colle del Gran San Bernardo, dove avrebbe seguito il convegno Montagna e Solidarietà per Vita. La Val d'Aosta non è piatta, per cui questo ha comportato una sveglia all'alba (solo un po' meno alba di quanto non sarebbe stata partendo da Ginevra, ma insomma). Ovviamente abbiamo dimenticato in frigo a La Thuile quello che avremmo dovuto portare domenica alla festa di compleanno a Rorà. Nel pomerigio di sabato siamo dunque scesi a Torino per una rilassante sosta a Auchan. La festa a Rorà è stata bella come sempre, il ritorno a Ginevra domenica sera solo un po' più lungo del solito... ma ritornando siamo riusciti a dimenticato a Torino gli appunti di Irene del convengo di sabato! E l'articolo per Vita doveva essere pronto per lunedì sera. Per fortuna esistono i fax... e i genitori pazienti! Che frane.

Per la cronaca, mentre Irene si dilettava al convegno, Oliver ed io siamo saliti dal Colle del Gran San Bernardo al vicino Mont Fourchon, che è una classica di scialpinismo d'inverno e ua facile gita d'estate, adatta a una mattina solitaria di bel tempo. Il panorama era eccellente (almeno dal lato italiano), e Oliver mooolto contento 🙂

2007-06-23 Gran San Bernardo - Mont Fouchon Panorama FULL

2007-06-23 Gran San Bernardo - Mont Fouchon (7)

Questo inserimento è stato pubblicato in Vita di frontiera. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Un Commento

  1. emilio
    Pubblicato il 5 agosto 2010 alle 20:15 | Permalink

    consolati.. non è necessario essere scienziati e giornalisti per essere svampiti.

    io ho al licenza elementare..e sono svampito come voi.ummm

    ciao a te alla piccola ed a irene...salutami oliver

    emilio sterlini

Un Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Mi chiamo Marco Delmastro, sono un fisico delle particelle che lavora all'esperimento ATLAS al CERN di Ginevra.

    Su Borborigmi di un fisico renitente divago di vita all'estero lontani dall'Italia, fisica delle particelle e divulgazione scientifica, ricerca fondamentale, tecnologia e comunicazione nel mondo digitale, educazione, militanza quotidiana e altre amenità.

    Ho scritto un libro, Particelle familiari, che prova a raccontare cosa faccio di mestiere, e perché.

  • feed RSS articoli
  • feed RSS commenti
  • Cinguettii